Premi Nobel per la medicina a tre ricercatori dell’immunologia

Premi Nobel per la medicina. Il premio Nobel per la medicina è stato assegnato agli immunologi Steinman, Hoffmann e Beutler, per essersi distinti con le loro ricerche sui meccanismi base del sistema immunitario utili per la formulazione di nuovi e migliori vaccini contro le infezioni e per combattere i tumori, oltre a fornire nuovi modi per curare le malattie infiammatorie. Ricerche ha hanno “rivoluzionato la nostra comprensione del sistema immunitario, scoprendo i principi chiave per la sua attivazione”: così il Karolinska Institutet di Stoccolma ha annunciato l’assegnazione del Nobel della medicina 2011.

Da queste scoperte vaccini migliori. Metà dell’ammontare del premio (circa 1milione e 400mila euro) è andato all’americano Bruce Beutler e al lussemburghese Jules Hoffmann per la scoperta dei sensori chiamati “Toll”, responsabili dell’attivazione dell’immunità innata; l’altra metà del premio al canadese Ralph Steinman (deceduto venerdì scorso per un tumore al pancreas) per aver scoperto l’esistenza e l’azione delle cellule dendritiche nell’immunità adattiva, fase di risposta immunologica in cui i microrganismi vengono eliminati dal corpo. Con 26 scienziati premiati, l’immunologia risulta la branca medica che ha collezionato più Nobel in proporzione al numero di scienziati e ricercatori del settore. E’ proprio grazie al lavoro dei tre Nobel se si è potuti arrivare a formulare vaccini preventivi, come quello contro il papilloma virus (Hpv), o terapeutici, contro il tumore della prostata.

Adriana Ruggeri