Castellamare, esplode fabbrica fuochi d’artificio: un ferito

Una fabbrica di fuochi d’artificio è esplosa questa mattina intorno alle 12. La struttura si trova nella zona alta di Castellamare di Stabia, in provincia di Napoli, in via Madonna della Libera. In seguito alla violenta esplosione, sono accorsi immediatamente sul posto i vigili del fuoco, attualmente a lavoro tra le macerie per verificare se la deflagrazione abbia provocato delle vittime. Al momento si registra un unico ferito, di cui non sono ancora stet diffuse le generalità, tratto in salvo dai pompieri, le cui condizioni sarebbero piuttosto gravi. Giunta sul posto anche un’ambulanza del 118, i medici del pronto intervento gli hanno subito prestato i primi soccorsi, per trasportarlo, poi, d’urgenza, all’ospedale San Leonardo di Castellamare.

In chiesa si celebrava un matrimonio – A quanto si apprende da “il Corriere del Mezzogiorno”, il capannone risultava essere abusivo e veniva occasionalmente utilizzato per stoccare il materiale pirotecnico della fabbrica di fuochi artificiali “Ruocco”. Per verificare quanto accaduto, la polizia municipale, nelle ultime ore, sta ascoltando le persone che hanno assistito all’esplosione. A quanto si apprende ancora dal quotidiano, la fabbrica sorge poco distante dalla chiesa Madonna della Libera, all’interno della quale, al momento dello scoppio, si stava celebrando un matrimonio. Frate Francesco, che presenziava la funzione, non ha, però, dato importanza al boato, credendo si trattasse di fuochi d’artificio in occasione di qualche festa locale. «Credevo che si trattasse di fuochi d’artificio esplosi in occasione di un festeggiamento a Castellammare o nei dintorni – ha dichiarato il frate – Non avrei mai immaginato che il casolare era all’origine di quegli scoppi. E solo il terzo è stato tanto forte da avere richiamato l’attenzione di noi tutti all’interno del santuario». Le persone che si trovavano sul sagrato della chiesa, invece, sono state colte da un grande spavento.

Francesca Theodosiu