Inter, Maicon giura fedeltà ai nerazzurri

Inter, Maicon resta – Il ritorno in campo contro il Napoli dopo l’infortunio che l’ha costretto a saltare la prima parte del campionato ha rassenerato Maicon, che ai microfoni di Inter Channel, chiarisce la sua volontà e smentisce le voci che lo volevano lontano dall’Inter già da diversi mesi: “Circa un anno fa hanno detto e scritto che volevo andarmene, ma non c’è niente di vero. Dopo la vittoria della Champions e il Mondiale giocato in Sud Africa sono tornato serenamente a Milano, dove sono felice e mi trovo bene. Sappiamo come gira il mondo del calcio: spesso escono fuori cose non vere e che danno fastidio“.  Il terzino destro nerazzurro chiarisce poi un altro punto abbastanza discusso in sede di mercato: “Addirittura un agente che non mi assiste ha dichiarato che io andrò via dall’Italia. Ma ribadisco che l’unica persona che mi rappresenta e che può parlare del mio futuro è Roberto Calenda, il mio attuale procuratore. Io comunque sto bene all’Inter e non penso al mercato“.

Zanetti l’esempio da seguire – Tra le tante curiosità dell’intervista, Maicon parla anche dei suoi compagni di squadra e si sofferma sui ricordi più belli trascorsi in nerazzurro: “Il capitano Zanetti è qualcosa di incredibile. Il suo fisico, le sue qualità, l’uomo che rappresenta: tutti fattori che fanno di lui un campione. Lui ci dà veramente quel qualcosa in più. La mia partita migliore? Inter-Juventus del 2010, quando segnai un gol indimenticabile. Ricorderò per sempre quella partita“. Infine, il difensore brasiliano si sofferma sulla sua attuale condizione fisica dopo il rientro in campo nell’ultima giornata di campionato disputata contro il Napoli: “Non poter giocare è una sofferenza, soprattutto per me che in campo mi diverto tantissimo. Amo il calcio e tutto ciò che fa parte di esso perchè è la vera cosa che mi rende felice. Fortunatamente ora sto bene, quindi posso tornare a divertirimi“.

Giuseppe Carotenuto