NewNotizie intervista Andy McFarlane, frontman dei Rock’n’Roll Kamikazes

THE ROCK’N’ROLL KAMIKAZES è il nuovo progetto di Andy McFarlane, chitarrista scozzese ricordato ai più per le performance con SPAMABILLY BORGHETTI e THE HORMONAUTS, con i quali ha registrato sei dischi e altrettanti successi, rendendosi uno dei personaggi più affascinanti del rock’n’roll moderno. NewNotizie ha avuto la possibilità di intervistare Andy per conoscere qualcosa in più sul suo nuovo progetto e rapportarsi al nuovo Messia del rock’n’roll.

Ciao Andy. La VOLUME! Records firma il disco d’esordio dei THE ROCK’n’ROLL KAMIKAZES, il tuo nuovo gruppo. Dove potremo ascoltarvi nei prossimi giorni?
Ci trovi sul nostro sito ufficiale www.therocknrollkamikazes.com, dove puoi ascoltare le nostre canzoni e trovare tutte le informazioni che ci riguardano.
Indubbiamente la musica che fate merita anche uno show e un’esibizione da palcoscenico: avete un tour in previsione?
Certo, siamo costantemente in tournè! La prossima data è a Barrè, in provincia di Cesena, il 22 ottobre. Abbiamo un calendario fitto, comunque, quindi il mio consiglio è di tenere sempre sott’occhio il sito per scoprire le nostre nuove tappe.

Come nasce il vostro gruppo? Siete tutti uniti dallo stesso stile di musica e vita?
No, ma tengo gli altri legati in furgone. Ogni giorno do loro da mangiare e da bere, mi occupo di loro e piano piano iniziano a vederla come me.
No, seriamente, è un progetto nato l’anno scorso tra quattro amici che vogliono suonare un vecchio rock’n’roll senza troppi fronzoli e con grande grinta, come richiede il nostro genere di musica.

Parliamo del Campo Mutoid, dove ti sei distinto come scultore, e della tua musica. Da quale dei due trai ispirazione per l’altro?
Non sono un granchè come scultore quindi per stare a galla negli anni ho inziiato a suonare per strada e lì è nato il mio rock’n’roll!

Il Rock’n’Roll oggi. Ci sono speranze? Siete i nuovi Messia?
C’è sempre speranza! La scena sarà sempre una nicchia, ma ho notato che quando suoniamo per un pubblico “normale” , si scatenano di più! Quindi,si, direi che siamo una forma di nuovo Messia! Sono anche bravo in cucina quindi mal che vada potrei essere una nuovo Massia?

La fuga dei cervelli dall’Italia all’estero oramai è nota. Tu però fai il percorso contrario: come mai?
Mi piace la sfida!

L’intervista è stata realizzata e rilasciata in esclusiva a Mario Petillo