I Simpson: altri due anni di programmazione

Trovato un accordo con i doppiatori. Allarme rientrato e soprattutto pericolo scampato. È un bel sospiro di sollievo che tutti gli amanti de I Simpson possono tirare leggendo questa notizia. Pare che siano state confermate altre due stagioni grazie ad un raggiunto accordo fra l’emittente televisiva, la 20th Century Fox, e alcuni doppiatori della serie.

Il problema. Qualche giorno fa si era profilata la possibile chiusura di una delle serie animate più longeve e più amate in tutto il mondo per via di alcuni dissidi fra i doppiatori e la stessa Fox. Da ciò che veniva riportato da oltre oceano sembrava che la battaglia potesse andare avanti per parecchio tempo senza che nessuno riuscisse a trovare una soluzione ed in molti si erano convinti che il cartone non sarebbe più andato in onda con nuovi episodi. La Fox, infatti, aveva chiesto ai doppiatori, voci storiche degli amatissimi omini gialli, di accettare uno stipendio tagliato del 45%. I doppiatori, invece, aveva controproposto un taglio pari solo al 30% . La Fox sarà anche in difficoltà e la stima di introiti in entrata, inferiore a quella prevista, non è stata mai messa in discussione, ma tutti i doppiatori hanno fatto due conti in tasca ai padroni e hanno capito che c’era una grossa fetta di ricavi che poteva benissimo essere utilizzata. La Fox percepisce, infatti, una grossa fetta di denaro dal marketing dello show.

L’accordo. Per fortuna, quindi, le due posizioni, che sembravano antitetiche hanno trovato un punto in comune. Non ci è dato ancora sapere quali siano i termini dell’accordo, qualcuno dice che la Fox abbia accettato un taglio del 30%, invece che del 45%, ovvero 132 mila dollari ad episodio, e che i doppiatori abbiano lasciato perdere i profitti sul marketing; per ora quello che è certo è che ci deve bastare il fatto di poter leggere, dalla stessa pagina Twitter dell’emittente,  che è confermata la realizzazione di altre due stagioni.

Alessandra Solmi