Steve Jobs 48 ore dopo: Torino gli rende omaggio con una mostra

Steve Jobs: Torino gli rende omaggio – Il giorno in cui è stata diffusa la notizia della sua morte, non si è parlato d’altro. Le “prime” di quasi tutti i giornali on-line presentavano una sua foto o un’immagine che ricordasse lui e la sua estrema e ineguagliabile genialità. In molti hanno lasciato messaggi, fiori e preghiere davanti alla sua abitazione di Silicon Valley. Ma naturalmente, al di là delle lacrime, il modo migliore per onorare il guru di Apple non può che essere la celebrazione del suo genio. E a Torino qualcuno si è già messo in moto per farlo: entro la fine di ottobre, al Museo delle Scienze Naturali, sarà inaugurata una speciale mostra dedicata a Steve Jobs, per ricordare il genio, la vita, la passione e le idee di un uomo che ha saputo dar forma concreta ai suo sogni.

Marco Baglione  L’dea della mostra è partita da uno dei suoi più grandi ammiratori, appassionato di tecnologia d’avanguardia ed informatica: Marco Boglione , patron di Basic Net. Gli è bastato fare una telefonata alla persona giusta e il gioco è fatto. A sostenerlo in questa sua iniziativa infatti è stato l’assessore alla Cultura, Michele Coppola, che ha commentato con entusiasmo questa collaborazione: “Stavamo lavorando alla mostra per il 2012 ma ora non ha senso aspettare: a fine ottobre  inaugureremo la ‘Tempo- ranea’ per ricordare l’ideatore della mela più famosa del mondo”.

Prima mostra per l’Apple I – Oltre ad essere un appassionato, Boglione è tra i maggiori collezionisti al mondo di alta tecnologica e computeristica, e alla mostra esporrà una cospicua parte della sua collezione (che comprende più di 300 pezzi): tutti i Commodore e molti Ibm, MacIntosh ed Apple; un Altair 8800 del ‘75, considerato il primo personal al mondo, con cui Gates e Allen hanno scritto i programmi per dare inizio all’avventura di Microsoft. Ma la vera punta di diamante sarà l’Apple I, mai esposto in mostra prima d’ora, acquistato per ben 158 mila euro. Insomma, un buon inizio per uno che intende aprire a Torino un Museo della Rivoluzione informatica.

C. T.