Bambini e animali: entra anche tu nei Bau Boys

Bambini e animali: entra anche tu nei Bau Boys. La trasmissione domenicale condotta da Marco Berry, a capo di una squadra di ragazzini intenti a correre su e giù per l’Italia in soccorso delle più disparate specie animali sembra voler oltrepassare lo status di programma televisivo, aprendo a concrete iniziative sul campo. Picchio, Pulce, Doc e Falco, i Bau Boys per così dire “istituzionali”, non sono gli unici in grado di aiutare cani, porcellini, pipistrelli, galline e chi più ne ha più ne metta. Per essere un vero Bau Boy tutto sommato basta poco. Chiunque aiuti a risolvere i casi affrontati durante la trasmissione e segnalati sul sito infatti, può dirsi a buon titolo facente parte della squadra.

Bau Boys Camp. Chi invece volesse intraprendere un percorso più impegnativo, ma allo stesso tempo divertente,  grazie all’appoggio di alcune fattorie didattiche amiche del programma prodotto dalla Barter, può decidere di passare un pomeriggio in una delle tante strutture che aderiscono all’iniziativa (elenco scaricabile dal sito), imparando ad esempio l’orienteering, o il birdwatching, oppure ancora l’allattamento. Una collaborazione che ha preso il via il 24 settembre e che durerà fino al 13 novembre.  Bambini ed adulti potranno così avvicinarsi in modo sicuro e controllato ad un mondo dalle mille  sfaccettature, spesso troppo poco esplorate. Un “bug” questo, che contribuisce talvolta a generare alcuni pregiudizi sbagliati sul complesso funzionamento del regno animale.

A.S.