F1, Giappone: vince Button seguito dall’ottimo Alonso. Vettel è bi-campione

F1, Gp Giappone – I giochi si sono chiusi. O forse riaperti. Nella gara ove la Red Bull si assicura con Sebastian Vettel il secondo iride consecutivo, Mclaren e Ferrari ritrovano il gusto di combattere e precedere la monoposto blu, costringendo il campione del mondo al gradino più basso del podio. Button e Alonso infatti sfruttano al massimo possibile le loro vetture, con l’inglese ancora una volta autore di una gara solida ed efficace, meritato vincitore del Gp di Suzuka. Jenson praticamente non ha sbagliato nulla, azzeccando la partenza (senza però riuscire a sorpassare Sebastian) e tenendo un eccellente ritmo sia con le gomme morbide che dure. Il decisivo sorpasso è avvenuto grazie alle strategie dei pit-stop, controllando con intelligenza il ritmo degli avversari e involandosi verso il terzo centro stagionale.

Previsioni smentite – E’ toccato poi al mai domo Fernando complicare i piani della Red Bull, difendendo un inatteso secondo posto all’ultimo cambio gomme ai danni proprio della vettura numero uno. La Ferrari è riuscita a tenere la scia dei migliori anche con le temute mescole dure, permettendo allo spagnolo di gareggiare alla pari contro il campione del mondo. Ne è nato un duello di nervi ed emozioni, conclusosi a favore della vettura di Maranello, tornata inaspettatamente a podio dopo un preoccupante periodo di crisi. Vettel è perciò costretto ad accontentarsi, pensando ad un meritato secondo titolo mondiale conquistato a soli ventiquattro anni. Webber, quarto, non ha potuto attaccare il compagno di squadra causa ordine di scuderia, tutto per evitare inutili nervosismi chiudendo i discorsi per questo 2011. La squadra austriaca può già festeggiare con ben quattro gara di anticipo, puntato al titolo costruttori tra solo sette giorni in Corea.

Classifica – Insipido quinto posto per Hamilton. La Mclaren è riuscita ad avere una monoposto in grado di vincere eppure Lewis non ha mai impostato un’attesa gara d’attacco, rimanendo sempre in bagarre sia con Webber che Massa, con tanto di ennesimo contatto tra i due senza (fortunatamente) nessuna penalità da parte dei commissari. Per la prima volta chiuderà dietro al proprio compagno di squadra in classifica generale, segno che questa stagione non è stata in linea con il suo recente passato. Segue Schumacher, bravo a guadagnare un sesto posto sopravanzando anche la rossa di Felipe, tra i più veloci all’inizio per poi lentamente rallentare man mano che i giri passavano. Spumeggiate Petrov ottavo ed autore di bei sorpassi nonostante sia un debuttante della massima serie. Suzuka si conferma ancora una volta gara intensa e da assi del volante, un pezzo pregiato del calendario di F1. A seguire la classifica finale:1)Jenson Button 2)Fernando Alonso 3)Sebastian Vettel 4)Mark Webber 5)Lewis Hamilton 6)Michael Schumacher 7)Felipe Massa 8)Sergio Perez 9)Vitaly Petrov 10)Nico Rosberg 11)Adrian Sutil 12)Paul di Resta 13)Kamui Kobayashi 14)Pastor Maldonado15)Jaime Alguersuari 16)Bruno Senna 17)Rubens Barrichello 18)Heikki Kovalainen 19)Jarno Trulli 20)Timo Glock 21)Jerome d’Ambrosio 22)Daniel Ricciardo 23)Vitantonio Liuzzi

Riccardo Cangini