Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica Polverini: Avanti con riforma delle pensioni e patrimoniale

Polverini: Avanti con riforma delle pensioni e patrimoniale

Per uscire dal cul de sac in cui l’Italia sembra essersi confinata, è necessario procedere con misure vigorose ed efficaci. Ne è convinta la governatrice del Lazio, Renata Polverini, che in un’intervista a La Stampa, ha oggi ribadito l’urgenza di rimettere mano alla riforma delle pensioni, senza dimenticare la patrimoniale.

Ripartire dalle pensioni…. – “Riconsiderando anche quanto sostenevo nella stagione in cui svolgevo l’attività di sindacalista, io ritengo che una riforma delle pensioni vada fatta. E non soltanto per una questione di equilibrio nei conti e per venire incontro alle istanze dell’Unione europea, ma per dare una prospettiva più concreta alle giovani generazioni”. A dirlo è stata oggi Renata Polverini, che incalzata da La Stampa sui “rimedi” che possono ridare fiato all’economia nazionale, ha precisato che è necessario “mettere in cantiere una riforma strutturale“.

…e continuare con la patrimoniale – Non solo: “La previsione di una patrimoniale, che era apparsa nelle discussioni di agosto,  andava mantenuta – ha aggiunto il presidente della Regione Lazio – Chiedere di più a chi ha di più, è un principio sempre valido. Se si fanno riforma delle pensioni e patrimoniale, a quel punto non mi scandalizzerei se anziché ai soliti noti, si recuperassero risorse da chi ha evaso per destinarle allo sviluppo”.

Meno male che Alfano c’è – Fin qui l’economia, ma interpellata su questioni squisitamente politiche, la Polverini non si è tirata indietro: “Berlusconi è stato l’artefice di tanti successi – ha iniziato – e credo che, pur in una fase difficile come questa, siamo in grado anche nell’immediato futuro di cambiare le cose e di invertire la rotta. Proprio Berlusconi ha dimostrato di crederci, indicando come segretario del Pdl Angelino Alfano, dandogli un’investitura democratica e avviando un congresso”. E ancora: “E’ molto significativo che il presidente abbia investito su una personalità che non solo ha meno anni di lui, ma – ha sottolineato la governatrice – che di anni ne ha 37 e appartiene ad un’altra generazione che ha tanto da dimostrare. Sta lavorando bene, si sta conquistando la fiducia di tanti – ha certificato la Polverini – Penso che Alfano sia la persona più adatta per il ruolo che ricopre”.

Maria Saporito