Home Notizie di Calcio e Calciatori Calciomercato Bologna: piacciono Mantovani e Karagounis

Calciomercato Bologna: piacciono Mantovani e Karagounis

Calciomercato BolognaAndrea Mantovani ha raggiunto Palermo con grandi speranze e con la consapevolezza di essere uno dei punti di riferimento della squadra rosanero. Ma dopo l’esonero di Pioli e l’arrivo di Mangia, le prospettive dell’ex difensore del Chievo sono radicalmente cambiate. Dopo i due incontri nel preliminare di Europa League contro il Thun, Mantovani ha giocato una sola volta in cinque turni di campionato, subentrando nella ripresa a Bertolo nella vittoria del Palermo contro il Siena, per sopperire all’inferiorità numerica dopo l’espulsione, al 10? della ripresa, di Balzaretti. L’approdo di Stefano Pioli sulla panchina del Bologna potrebbe aprire la strada per un passaggio in rossoblu di Mantovani, che mal si è ambientato a Palermo e sembra (dopo soli tre mesi) rimpiangere la scelta fatta a luglio.  L’agente del difensore, Graziano Battistini, non ha escluso clamorosi scenari di calciomercato invernale per il suo assistito: “Andrea è tranquillo perché è un grande professionista ed è coscienzioso dei suoi mezzi. Ma se dovesse continuare a non giocare, a fine dicembre tireremmo le somme”. Pioli e il Bologna attendono.

Un altro Karagounis – Altro rinforzo accostato al club felsineo per il mercato di riparazione di gennaio è quello di Thanasis Karagounis, centrocampista greco del club ellenico dell’Atromitos. Classe 1991, Thanasis è cugino di un ben più famoso Karagounis, Giorgios, ex centrocampista dell’Inter ora in forza al Panathinaikos. Thanasis Karagounis, dopo aver ben figurato con le nazionali elleniche under 19 e under 21, è da poco entrato nel giro della nazionale maggiore. La possibilità di giocare in serie A, potrebbe essere allettante per un giovane che voglia mettersi in mostra. Inoltre il Bologna ha bisogno di giocatori di qualità e sostanza in mezzo al campo: prerogativa che al momento pare latitare e che Karagounis potrebbe colmare, almeno in parte.

 

Marco Valerio