Home Televisione Da oggi su Iris le retrospettive di Stanley Kubrick e Alfred Hicthcock

Da oggi su Iris le retrospettive di Stanley Kubrick e Alfred Hicthcock

Kubrick, Hitchcock. Avanguardisti, pionieri, ironici, intelligenti, simbolici, filosofici, sperimentali… Sono Alfred Hitchcock e Stanley Kubrick, due insuperabili artigiani del grande schermo ai quali Iris, canale tematico Mediaset diretto da Miriam Pisani, dal 12 ottobre 2011, ogni mercoledì dedica la prima e la seconda serata di programmazione cinematografica d’autore.  Il “maestro del brivido”, il padre della suspence cinematografica e del “giallo” da lungometraggio, viene proposto in prime-time con la retrospettiva Vertigini con Alfred Hitchcock. Quella intitolata all’esteta della macchina da presa, al visionario disegnatore di affreschi musicati dall’impossibile interpretazione univoca, è offerta in seconda serata con Stanley Kubrick-il folle genio del cinema. Un’occasione dunque per rivedere o scoprire per la prima volta due dei più importanti maestri del cinema, autori spesso controversi, che nel tempo hanno saputo ritagliarsi un ruolo decisivo nell’evoluzione dell’arte cinematografica riuscendo a stabilire quella perfetta alchimia tra critica e pubblico che ben pochi autori possono vantare.

Rassegna. L’appuntamento di apertura vede in cartellone Rope-Nodo alla Gola (1948), il primo film a colori del regista britannico, celebre per il suo virtuosismo tecnico, ovvero il finto lunghissimo unico piano-sequenza costretto tra le mura di un appartamento.A seguire, è la volta di Arancia Meccanica (1971), il film più rappresentativo e controverso della filmografia kubrickiana, censurato per anni a causa dell’estrema rappresentazione della violenza, esaltata dall’uso di obiettivi grandangolari, da una fotografia dai colori particolarmente aggressivi e dallo straniante uso della musica.I temi che accomunano i due capolavori universali firmati Hitchcock e Kubrick s’intrecciano a cominciare dal nodo soffocante stretto alla gola del giovane rampollo David, sino alle mazze e ai calci sul corpo dello scrittore F.Alexander al ritmo di Singin’ in The Rain. La gratuità del Male, il gusto estetico e “ispirato” di compiere una violenza, sono gli stessi “sentimenti” che ispirano sia l’omicidio dei due protagonisti omosessuali di Nodo alla gola (che soffocano un amico e lo nascondono in una cassapanca nella speranza che il loro non-movente celi il misfatto), sia gli atti di violenza disumana, sarcastica e lucida di Alex e del suo gruppo di Drughi, personaggio principale e “svitati” di contorno di Arancia Meccanica. Nei prossimi appuntamenti, in locandina, per Vertigini con Alfred Hitchcock: Gli uccelli (1963), Topaz (1969), i remake de L’uomo che sapeva troppo (1956) e La donna che visse due volte (1958), Intrigo Internazionale (1956), Marnie (1964) e, in conclusione, l’emblematico clamoroso successo Psycho (1960). Per la rassegna Stanley Kubrick-il folle genio del cinema: Shining (1980), 2001: Odisseo nello spazio (1968), Barry Lyndon (1975) e Lolita (1962).

 S.Ranucci