Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Governo battuto, la preoccupazione del Colle: Premier dia risposta credibile

CONDIVIDI

La preoccupazione di Napolitano. Dopo la sconfitta della maggioranza sul bilancio, scende in campo il presidente della Repubblica, che chiede a Silvio Berlusconi una “risposta credibile” in merito alla sua attuale capacità di governare. In un comunicato stampa del Quirinale, Giorgio Napolitano si interroga sulla “solidità della maggioranza che attraverso reiterati voti di fiducia ha confermato il suo appoggio all’attuale esecutivo”. Il capo dello Stato è preoccupato per la mancata approvazione del bilancio e per le tensioni nel governo: “le conseguenti incertezze nell’adozione di decisioni dovute o annunciate, suscitano interrogativi e preoccupazioni i cui riflessi istituzionali non possono sfuggire”. Per Napolitano occorre subito chiarire “se la maggioranza di governo ricompostasi nel giugno scorso con l’apporto di un nuovo gruppo sia in grado di operare con la costante coesione necessaria per garantire adempimenti imprescindibili come l’insieme delle decisioni di bilancio e soluzioni adeguate per i problemi più urgenti del paese, anche in rapporto agli impegni e obblighi europei”.

Il Governo chiederà la fiducia. Mentre Silvio Berlusconi sta preparando il discorso che farà alle Camere per chiedere la fiducia in tempi brevi, si susseguono le reazioni da ogni ramo del Parlamento. Per il capogruppo dell’Idv Massimo Donadi si sta percorrendo la strada delle elezioni anticipate, mentre per il segretario dell’Udc Lorenzo Cesa urge un nuovo governo, che si occupi delle emergenze del paese. Se per il presidente dei deputati del Pdl Fabrizio Cicchitto occorre rispondere con serietà a Napolitano, il deputato del Pdl Paolo Russo annuncia che la sfiducia a Berlusconi non sarà mai votata. Anche per il segretario del Pdl Angelino Alfano nulla è cambiato, ma si andrà avanti come prima: il governo non farà nemmeno un passo indietro, semmai ne farà tre in avanti nei prossimi 16 mesi, “dl sviluppo, riforma fiscale e riforma dello stato”. Non è dello stesso parere la capogruppo del Pd, Anna Finocchiaro, per la quale “il governo sta mostrando tutta la propria fragilità e confusione”.

Ilenia Salerno