L’abuso di vitamine e integratori aumenta il rischio di mortalità

L’abuso di vitamine e integratori aumenta il rischio di mortalità. Fare una “scorpacciata” di vitamine e di integratori di minerali, se non necessari, potrebbe non essere la mossa giusta. Infatti, sempre più studi rivelano che l’abuso di vitamine e integratori è nocivo, tanto da aumentare il rischio di mortalità. L’allarme arriva da due studi, uno americano e l’altro finlandese.

Gli studi. Gli studiosi hanno scoperto un legame tra dosi massicce di vitamine e un più alto tasso di mortalità tra le donne di una certa età: hanno osservato 38mila donne di età compresa tra i 50 e i 60 anni, ben nutrite, le quali assumevano integratori. “Sulla base delle prove esistenti, vediamo poche giustificazioni per l’uso generale e capillare degli integratori”, affermano gli autori della ricerca. “Abbiamo inoltre scoperto – continuano – che molte vitamine comunemente utilizzate nella dieta associata a integratori minerali, tra cui multivitaminici, vitamine B6 e acido folico, così come i minerali di ferro, magnesio, zinco e rame, erano associati a un maggior rischio di mortalità totale. Di particolare interesse sono stati gli integratori di ferro, fortemente associati a un aumentato rischio di mortalita”.

Il consiglio degli esperti. Il consiglio degli esperti è quello di assumere vitamine e integratori di minerali (sempre sotto stretto controllo medico) solo quando vi è una carenza di nutrienti specifici e laddove una dieta equilibrata non è sufficiente.

G. T.