Camera, oggi il voto di fiducia. Maggioranza teme l’astensione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:43

Roma – Oggi si vota la fiducia al governo dopo la bocciatura dell’articolo 1 del rendiconto dello Stato. Il Pdl trema e teme il voto contrario di quanti vogliono voltare pagina. Scajola rassicura: “Da noi fiducia, ma serve cambiamento”.

Il voto di oggi – Berlusconi ieri ha chiesto nuovamente la fiducia alla Camera, oggi il voto tra forti incertezze e alti rischi. La fiducia è necessaria, un atto dovuto, soprattutto nei confronti del Quirinale, che aveva espresso forte preoccupazione dopo il voto sull’assestamento del Bilancio in cui la maggioranza è stata battuta. Anzi è stato lo stesso Napolitano a fare pressioni per comprendere le potenzialità della maggioranza.
Il premier, nella giornata di ieri, è tornato a ribadire il rischio “che si vada tutti a casa in caso di passi falsi”. E quindi ha attivato subito le trattative con i singoli deputati della maggioranza, arrivando ad una fiducia che si dovrebbe attestare intorno ai 316 voti, ma non mancano ipotesi di una maggioranza a circa 318 voti.

Il rischio Scajola – Una preoccupazione in meno per la maggioranza, l’ex Ministro Scajola, infatti, voterà la fiducia al governo e così pure i suoi più stretti colleghi.
L’ex Ministro però è tornato a ribadire che serve un cambiamento di rotta, una nuova maggioranza e magari anche un passo indietro del premier: “Noi non pugnaliamo alle spalle ma serve una scossa. C’è bisogno di un governo con una maggioranza più vasta per uscire dalla crisi”.
Arginato il rischio Scajola, rimane il rischio Responsabili, è possibile che qualche deputato, per inviare un segnale al premier, possa rimanere fuori dall’Aula al momento del voto. Il rischio è alto, la Lega non si pronuncia, che sia la fine del Cavaliere?

Matteo Oliviero

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!