Home Tempi Postmoderni Scienze

Pianeta Galileo 2011. Un mese dedicato alla conoscenza scientifica in Toscana

CONDIVIDI

E’ giunto alla sua ottava edizione “Pianeta Galileo”, l’iniziativa dedicata alla cultura scientifica in Toscana, organizzata dalla Regione in collaborazione con le università presenti sul territorio. Tantissimi gli eventi tra convegni, lezioni-incontro nelle scuole secondarie di secondo grado, mostre, visite guidate e laboratori, che hanno preso il via dopo la cerimonia di inaugurazione, tenutasi  venerdì 7 ottobre alle 9.30, presso l’Aula Magna del Rettorato dell’Università di Firenze, alla presenza del presidente del Consiglio regionale Alberto Monaci, del direttore dell’Ufficio scolastico per la Toscana Angela Palamone, e dei rettori dell’Università di Firenze, Pisa e Siena, Alberto Tesi, Mario Augello e Angelo Riccaboni. Le note del coro Senzaton, dell’Isis Russell-Newton di Scandicci, hanno introdotto la lectio galileiana, “Storia dell’atomo: dai filosofi ionici alla meccanica quantistica”, del professor Salvatore Califano.

Pur essendo il 2011 l’anno della chimica, Pianeta Galileo manterrà la sua dimensione poliedrica, spaziando dalla geologia e l’astronomia, fino alla climatologia ed alla robotica, mantenendo al centro dell’attenzione il coinvolgimento dei giovani nella conoscenza scientifica e nella sua divulgazione.  A tal proposito vale la pena di ricordare l’istituzione di un bando di concorso per  il finanziamento di progetti di educazione scientifica presentati da Istituti di istruzione secondaria di secondo grado, con lo scopo di favorire il dialogo tra saperi e promuovere la collaborazione culturale e didattica tra le scuole.

Quest’anno l’iniziativa ospiterà, oltre al Premio internazionale Giulio Preti (uno dei maggiori filosofi italiani del Novecento), due convegni,  uno  riguardante lo sviluppo delle scienze nel nostro paese dall’Unità a oggi, il secondo i cambiamenti che ci sono stati nel modo d’insegnare la matematica e le scienze naturali nel corso degli anni. Per limitarsi agli eventi in programma a Firenze, non mancherà l’apporto dei giovani divulgatori di Openlab, con l’esecuzione di esperimenti galileiani, affiancati alla lettura dei testi originali, diversi laboratori interattivi (la chimica dei colori, la scienza delle pozioni “magiche”, la magnetica attrazione) e la possibilità di visitare i laboratori di ricerca del Polo scientifico e Tecnologico di Sesto Fiorentino (laboratorio di nano materiali e beni culturali, Labec, e CNR).

Largo spazio è stato dato anche alle iniziative teatrali con le conferenze spettacolo “Il teorema di Amleto. Galileo Shakespeare e il teatro dell’era scientifica”  e “Eppur si muove. Oscillazioni scientifico-letterarie intorno all’opera di Galileo Galilei” a cura di Pupi e Fresedde del teatro di Rifredi, e lo spettacolo  interattivo “Le mele di Newton ed altre equazioni” liberamente tratto dal libro “le cinque equazioni che hanno cambiato il mondo” di Michael Guillen.

Altrettanto interessanti iniziative sono previste nelle maggiori città della Toscana (Pisa, Siena, Arezzo, Grosseto, Livorno, Pistoia, Prato, Lucca e Massa Carrara), quasi tutte a carattere gratuito, quindi non rimane che vincere la pigrizia e l’imbarazzo della scelta, per immergersi almeno per un giorno, nell’affascinante mondo della cultura scientifica.

Programma completo  ed ulteriori informazioni disponibili su: www.consiglio.regione.toscana.it

Alice Ughi

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram