Furio Colombo dalle pagine del Fatto Quotidiano: Siamo tutti indignati

Indignati sostenuti da Furio Colombo: il primo fan illustre degli Indignati è stato Mario Draghi, che con estremo coraggio ha sostenuto pubblicamente i giovani sfiniti e sfibrati che, senza futuro e con in tasca solo frustrazione, hanno scelto di scendere in piazza, in ogni piazza: da Roma a New York. Oggi, dalle pagine de Il Fatto Quotidiano, anche Furio Colombo in copertina tributa il proprio sostegno agli Indignati con un titolo esplicativo: Siamo tutti indignati. Colombo, nell’ambito della propria analisi, sottolinea quanto sia necessario sostenere le persone che hanno scelto di scendere in strada da ogni dove allo scopo di rendere manifesto il proprio dissenso contro un sistema che odora di acqua stagnante.

Aiutiamoli: il noto giornalista nonché politico affila la penna e affonda lucidamente verso il cuore del problema senza tergiversare “Un governo morto resta in piedi comprando deputati in vendita al mercato dei voti. Oggi Roma (e altre 900 città del mondo) sarà invasa da una moltitudine di giovani a cui questa politica sta togliendo tutto. Vogliono cambiarla. Aiutiamoli.” Senza dimenticare che il “lavoro dell’indignato” non è riservato soltanto ai giovani, purtroppo le gravi condizioni in cui il Paese versa travolgono come un’onda carica di detriti anche fasce di età più mature che avvertono la minaccia del crollo che rischia di fagocitarsi decenni di contributi onestamente versati.

Valeria Panzeri