Moto2, Australia: De Angelis batte Bradl e vince. Incredibile terzo Marquez

Moto2, Gp Australia – Non si aspettava Stefan Bradl il sorpasso in fondo al rettilineo dei box. Credeva di aver finalmente piegato la resistenza di Alex De Angelis, per quasi tutta la gara alla ricerca della prima posizione puntualmente negata dal solido tedesco. Ed invece il sammarinese non ha mai perso l’idea di trionfare per la seconda volta nella magnifica Australia, riuscendo a precedere la moto numero 65 all’inizio dell’ultimo giro. Arriva poi la prima violenta staccata in discesa, De Angelis chiude ovviamente la porta ma Bradl non demorde. Il contatto è inevitabile ma, incredibilmente, nessuno dei due cade con Alex che riesce a prendere i metri necessari ad assicurarsi la vittoria, raggiungendo il massimo traguardo possibile: “Sono contento. Bradl voleva scappare ma io sapevo che al curvone ero più veloce e l’ho passato. Mi ha toccato, penso, ma per fortuna non sono caduto. E’ stato un week-end bellissimo

Incredibile Marquez – Finire dietro al vincitore poteva essere comunque una buona posizione per il pilota della Kalex, considerando la difficile situazione iridata che vede lui e Marquez praticamente a pari punti a soli tre Gp dalla fine. Ed invece il podio viene chiuso proprio dal rivale iridato, ultimo in griglia dopo la penalità inflittagli causa tamponamento delle libere ed autore di una “remuntada” da vero campione. Partito 38°, nel primo giro è riuscito a guadagnare ben ventitre posizioni (!), riuscendo poi ad impostare tutta la gara con la giusta (e mai eccessiva) convinzione e cattiveria. Entrato di diritto nella lotta per il terzo posto, ha dovuto fare i conti con un Claudio Corti particolarmente in forma qui a Phillip Island. I due si sono studiati un paio di giri, per poi lottare sino all’ultima curva. Lo spagnolo ha avuto la meglio grazie ad una tenace resistenza, ma ancora una volta l’italiano mostra a tutti di meritare un posto nel motomondiale. Quinto posto per Pol Espargaro, bravo a tenersi dietro Sofuoglu e Scott Redding, leader del gruppo nei primi concitati giri.

Classifica – Con Corti migliore dei nostri, segue Iannone in ottava posizione. Questa volta per Andrea non c’è stato nulla da fare ed il ritmo dei primissimi è sempre stato utopico, sia in qualifica che gara. Dietro di lui troviamo Michele Pirro (14°) Simone Corsi (15°) e Raffaele De Rosa (20°). Subito ritirato Mattia Pasini, partito da una più che buona posizione in griglia ma a quanto pare protagonista di un contatto con un altro pilota. Le gioie italiche sono tutte per De Angelis, mentre continua senza sosta la sfida personale/iridata tra Bradl e Marquez. Solo sette giorni e vi sarà il capitolo malese con altri venticinque punti in ballo. A seguire l’ordine di arrivo:01)Alex De Angelis 02)Stefan Bradl 03)Marc Marquez 04)Claudio Corti 05)Pol Espargaro 06)Kenan Sofuoglu 07)Scott Redding 08)Andrea Iannone 09)Mike Di Meglio 10)Yuki Takahashi 11)Thomas Luthi 12)Dominique Aegerter 13)Aleix Espargaro 14)Michele Pirro 15)Simone Corsi 16)Mika Kallio 17)Ricard Cardus 18)Bradley Smith 19)Axel Pons 20)Raffaele De Rosa 21)Randy Krummenacher 22)Kenny Noyes

Riccardo Cangini