Di Pietro dopo gli scontri di Roma: Occorrono pene esemplari per i violenti

Roma – Dopo gli episodi di violenza accaduti a Roma sabato scorso, il leader dell’Idv torna a chiedere pene esemplari per i violenti: “Si devono prevedere arresti e fermi obbligatori e riti direttissimi con pene esemplari“.

Di Pietro: Torniamo alla Legge Reale – Il leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, dopo aver condannato gli scontri accaduti sabato a Roma, durante la manifestazione degli indignati, oggi torna a chiedere pene più severe per i violenti.
Si deve tornare alla Legge Reale. Anzi bisogna fare la’legge Reale 2. Si devono prevedere arresti e fermi obbligatori e riti direttissimi con pene esemplari“.
Non è tempo di rimpalli ma di un’assunzione di responsabilità da parte di tutte le forze politiche per creare una legislazione speciale e specifica che introduca specifiche figure di reato, aggravamento dei reati e delle pene oggi previste, allargamento del fermo e dell’arresto, riti direttissimi che permettano in pochi giorni di arrivare a sentenza di primo grado. Dovrebbero essere inserite disposizioni già sperimentate per gli ultrà sportivi, come il divieto di dimora in particolari giornate, o l’obbligo di dimora“.

Condanne da Montezemolo e Mantovano – Il padrino della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, si scaglia contro i violenti: Quello che è successo sabato a Roma è veramente allucinante e ogni commento sarebbe ovvio. Quello che si è visto fa torto a tanti giovani che volevano portare in modo costruttivo e pacifico le loro istanze“. Anche Mantovano ha commentato duramente gli scontri: “Troppo spesso l’uso legittimo degli strumenti di dissuasione da parte delle forze di polizia viene sanzionato penalmente mentre chi lancia i sampietrini, e sfido chiunque a trovarsi sulla loro traiettoria, invece di essere considerato una persona che attenta alla vita e’ descritto come un bravo giovane che ha avuto un momento di stizza e va compreso“.

Matteo Oliviero