Elisabetta Canalis hard su twitter, e intanto George Clooney guarda altrove

Elisabetta Canalis, Twitter. Professione diva. Sembra questo l’obiettivo che Elisabetta Canalis si è preposto, e per farlo non bada a ricorrere ad ogni mezzo. L’ex velina ormai di casa negli Stati Uniti, dove fin’ora è stata conosciuta più come la fidanzata (ex ormai) di George Clooney che per le sue doti da show girl, ha deciso di provare a rilanciarsi dopo la fine della storia d’amore con lo scapolo d’oro di Hollywood. Ecco allora che la bella Elisabetta ha deciso di utilizzare il social network più popolare negli states, Twitter, per postare foto tratte dal suo quotidiano. L’ultima in particolare la ritrae in atteggiamenti decisamente hard in semi-topples con il seno abbastanza in vista per essere notato. E possiamo dire in tutta sincerità che si tratta di un bel vedere, essendo la Canalis davvero in ottima forma.

George Clooney. E intanto il bel George Clooney a cosa sta pensando? Beh a giudicare dalle ultime notizie che lo riguardano non sembra poi troppo interessato alla svolta sexi della sua ex fidanzata. L’attore e regista, che presto vedremo al cinema con il suo Le Idi di Marzo, film che si candida a recitare un ruolo da protagonista nella prossima notte degli Oscar è apparso per la prima volta in un’uscita ufficiale con la sua nuova fiamma, l’ex wresler Stacy Keibler. L’occasione è stata la prima del film “The Descendats” presentato in occasione della 49 edizione del New York Film Festival. Il prode Clooney si è messo in posa davanti ai paparazzi osannanti tenendo per mano la raggiante Stacy che sta toccando di certo il cielo con un dito nel poter star vicino a quello che a tutti gli effetti è considerato l’unico vero erede della vecchia Hollywood essendo stato paragonato da divi come Cary Grant o Clark Gable. Insomma pare che ci sia di meglio da fare che perdersi dietro le forma ben in vista di Elisabetta Canalis. Se poi per la show girl nostrana questo di twitter sarà il modo per lanciarsi in una carriera di prima grandezza, beh ogni mezzo è lecito (o quasi). Gli auguriamo successo e felicità, con qualche scetticiscmo. Il divismo un tempo era un’altra cosa.

Simone Ranucci.