Tendenza a due ruote: la fissa della Fissa

"TOO LATE FIXED BIKE"Tendenza a due ruote. Un gioco di parole che riassume il concetto.Si parla di bici a scatto fisso, le cosiddette fixed, una moda che da anni si incunea tra le fugaci tendenze dei giovani di tutto il pianeta, ma oggi sembra proprio un must have, una fissazione per chi si ritiene pioniere nelle scelte modaiole esterofile. Dalle metropoli di tutto il mondo, in particolare New York e Tokyo, arriva anche in Italia il concetto di bici a scatto fisso quella in cui, per capirsi, la pedalata è vincolata. Non le Olandesi con freno a retro- pedalata, ma un veicolo un po’ più estremo, nudo, privo di freni che obbliga a frenare solamente skiddando, ovvero bloccando i pedali con il peso del proprio corpo e la forza delle gambe. In questo modo i copertoni durano giusto una settimana, ma il divertimento (assicurano gli esperti) è garantito. Non pochi i problemi relativi a questo mezzo sui generis, in quanto il codice della strada obbliga al rispetto di una serie di vincoli per poter circolare, in particolare per quanto riguarda i freni del veicolo. La fixed gear o single speed, è diventata un mito dopo l’uso che ne facevano i leggendari bike messenger della Grande Mela. Da qui il via ad una serie di evoluzioni tra cui il bike polo, le corse clandestine (alleycat) , ma soprattutto un primo approccio del grande pubblico che ha sdoganato la fixed e l’ha resa un oggetto di puro esibizionismo “minimal-radical-cool ”.

 

La Fissa  per l’ecologia. Nulla in contrario a questa diffusione, visto che alcuni tra i brand più famosi, attirati proprio da questa ventata di novità, hanno proposto oggetti a due ruote di tutto rispetto. Anche i più scettici bikers, legati al mondo della bicicletta self-made, come vorrebbe la tradizione delle fixed (telai recuperati da vecchi catorci e assemblati in qualche maniera) sono stati sedotti da oggetti gradevoli esteticamente, minimali e soprattutto ecologici. In poche parole, una moda che si rivela soprattutto salutare e ecologica. Dal gioiello nato tra la collaborazione di Diesel e Pinarello, alle cromie accattivanti delle fixed di TOO LATE , per citare alcuni brand di ricerca fashion, fino alle aziende storiche come Bianchi che propone Pista Dalmine, un oggetto davvero unico nel suo genere.
Dai velodromi alle strade di tutti i giorni, fino a quando non passerà (speriamo mai)… la fissa delle fixed.

M.M.