Home Televisione

A “Pomeriggio Cinque”: Caso Scazzi, intervista esclusiva a Michele Misseri

CONDIVIDI

 

A “Pomeriggio Cinque”: Caso Scazzi, intervista esclusiva a Michele Misseri. “La parola ‘vigliacco’? Mi ha fatto veramente male. Ho detto tutta la verità ma non so se sono convinti

Parla Michele Misseri –  Intervistato in esclusiva da “Pomeriggio cinque”,  Michele Misseri ancora una volta, racconta la “sua verità” e decide di rispondere a sua figlia che ieri, nel corso dell’udienza preliminare a Taranto, ha dato del vigliacco al padre, affermando: “Mi aspettavo che Sabrina dicesse di essere stata accusata ingiustamente ma questa parola, vigliacco è stata pesante”. Continuando “in maniera discorsiva e chiara”:   “La reazione quando ho visto mia figlia è che mi sono scappate le lacrime ma ci sono rimasto male quando ha detto che lei è stata incolpata dal vigliacco di suo padre, certamente non posso dire altro. Per questo mi sono alzato e sono andato al microfono con il memoriale che pensavo me lo sequestrassero in carcere, cosa che non è mai successo, e così l’ho dato al giudice e non ai magistrati. Io dovevo esplodere.”

 

Il passaggio su Sarah e il telefonino – Pomeriggio cinque ha anche mostrato un passaggio di un colloquio avvenuto in carcere tra Michele e Cosima quando l’uomo, ancora in cella, ammette di non aver visto Sarah arrivare e del famoso telefonino che è squillato due volte prima che gli cadesse per terra e si dividesse in due. Concludendo “Ho raccontato tutto, come è andata tutta la storia – continua Michele – il trattore che non partiva, che ero nervoso, che mia moglie era a letto con Sabrina, non è sfuggito niente anzi, c’è stato più di quello che dovevo dire. Mi sento più libero. Non so se sono convinti ma questa è la verità”.

 

Maria Luisa L. Fortuna

 

 

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore