Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Alfano: Il Pdl torna a vincere. Presto nuova legge elettorale

CONDIVIDI

La riconferma di Michele Iorio alla presidenza del Molise segna un punto d’inversione importantissimo. Ne è convinto il segretario politico del Pdl, Angelino Alfano, che ha oggi salutato con entusiasmo la vittoria incassata dal candidato pidiellino nella regione di Antonio Di Pietro. “Il nostro elettorato – ha commentato l’ex ministro della Giustizia – è la maggioranza“. E sulle riforme da fare entro tempi stretti: “L’importante – ha spiegato Alfano ai giornalisti – è che si arrivi presto a una nuova legge elettorale“.

La riscossa parte dal Molise – “E’ un ottimo risultato che dimostra che il Pdl e la nostra coalizione ricominciano a vincere“. Angelino Alfano è entusiasta: la riconferma del candidato di centrodestra alla presidenza della Regione Molise rappresenta a suo avviso un risultato importante, anche a livello nazionale. “Dopo le amministrative di Napoli e Milano – ha spiegato l’ex Guardasigilli – il Pdl inverte la tendenza e rafforza la convinzione che il nostro elettorato, un elettorato moderato, è la maggioranza”. Tanto quanto basta a fargli ribadire che questo governo giungerà alla fine naturale della legislatura. Con una nuova legge elettorale.

Nuova legge elettorale – “La cosa più importante – ha continuato il segretario del Pdl – è che si arrivi alle prossime elezioni con la nuova legge. Cominceremo a discutere della nuova legge elettorale non appena ci saranno tutte le proposte in campo, ma sicuramente in tempi compatibili con il fatto che alle prossime elezioni si debba e si possa votare con la nuova legge elettorale”. E sull’eterno dilemma porcellum-mattarellum: “Non è una scelta da comunicare su due piedi – si è smarcato Alfano – Dico solo che noi con il mattarellum abbiamo vinto sia nel ’94 che nel 2001. Non abbiamo nessuna ostilità verso quel sistema elettorale”.

A difesa dei valori cattolici – Interpellato, infine, sulla possibilità di rinforzare il ruolo dei cattolici all’interno del suo partito: “Non crediamo nella rinascita della Dc – ha chiarito il pidiellino – e pensiamo che gli elettori cattolici possano essere da lievito. I cattolici hanno trovato nel Pdl un partito che ha difeso i loro valori: la vita, la famiglia e tutta una schiera di valori. E questo lo ha fatto non a chiacchiere, ma con scelte legislative. Il Pdl non è un partito cattolico o confessionale ma – ha precisato Alfano – ha trovato una sintesi virtuosa di presenza tra laici e cattolici. Noi crediamo che i cattolici possano ancora continuare a riconoscersi in noi”.

Maria Saporito

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram