Appello di Napolitano: Riforme necessarie. No al condizionamento elettorale

Roma – Nuovo appello del Presidente della Repubblica sulle riforme necessarie per rilanciare la crescita. “No a condizionamenti elettorali”.

Riforme urgenti – Dopo l’appello lanciato nei giorni scorsi dal mondo imprenditoriale, arriva oggi quello del Presidente Napolitano, che torna a chiedere alla politica le riforme necessarie per rilanciare l’economia.
“E’ giunto il momento di abbattere, gradualmente ma a ritmo sostenuto e costante, il nero del debito pubblico accumulatosi nel corso dei decenni“, è quanto ha detto il presidente della Repubblica intervenendo alla cerimonia per le consegna delle onorificenze ai cavalieri del lavoro nominati il 2 giugno scorso.
Tra i presenti ci sono anche lo stesso Berlusconi e il leader di Confindustria, Emma Marcegaglia.

Italia ancora in pericolo –Secondo il Presidente “l’Italia è molto esposta a questi venti di crisi” e bersaglio di attacchi dei mercati e di una crisi di fiducia da parte anche di altri Paese. Per questo le riforma strutturali sono impellenti“.
Ma bisogna attendere il momento giusto: “Non posso tacere la mia angustia nel constatare che le condizioni politiche per questa più larga condivisione non si sono finora verificate. Quello che serve una forte, netta assunzione di responsabilità: largamente condivisa perchè risulti più credibile, più garantita nella sua efficacia realizzativa“.

No a condizionamenti elettorali – Occorre unità, coesione secondo Napolitano, “senza farsi condizionare da calcoli elettorali. Un rischio che esiste non solo in Italia ma in Europa: In Francia, dove si voterà nel 2012, ed in Germania, dove si sono succedute elezioni regionali e si andrà successivamente alle elezioni generali, o negli Stati Uniti, dove egualmente si tornerà a votare l’anno venturo. Si guardi con coraggio agli interessi comuni di più lungo termine per l’unità dell’Europa, per lo sviluppo mondiale, per il futuro delle giovani generazioni“.

Matteo Oliviero