Smau 2011: il Made in Italy cresce con la tecnologia

Le imprese che, contro la crisi, aumentano il fatturato. La notizia ha dell’incredibile, eppure, succede. Vi sono, infatti, imprese di medie dimensioni, ma quotate in borsa, appartenenti ai settori manifatturiero, costruzioni e trasporti che riescono a registrare una crescita del fatturato. I dati parlano chiaro: almeno due su tre hanno potuto segnare una crescita nel primo semestre 2011 e una su tre è addirittura riuscita ad aumentare la propria marginalità per più del 20%.

L’analisi. La ricerca compiuta su ben settantotto imprese di medie dimensioni e quotate ad opera dell’Osservatorio SMAU ha quindi potuto rendere noti i dati sopra citati. A sottolineare l’importanza dei dati è lo stesso Andrea Rangone, Responsabile degli Osservatori del Politecnico di Milano affermando: “I risultati di bilancio relativi al primo semestre 2011 mostrano chiaramente come ci sia, nel nostro Paese, un buon numero di imprese che sta reagendo bene al difficile contesto economico-finanziario, conseguendo rilevanti crescite a livello sia di fatturato che di utili. Quasi il 70% delle imprese ha aumentato il proprio fatturato nel primo semestre 2011 rispetto al primo semestre 2010 e per circa il 40% delle imprese tale aumento è stato superiore al 10%”.

Aiuto dalla tecnologia. Determinati dati e tale sviluppo positivo si sono ottenuti, però, solo con  la tenacia ed il coraggio di investire nelle tecnologie. Raffaello Balocco, responsabile scientifico dell’Osservatorio ICT&PMI ha dichiarato: “Consapevoli del ruolo che le Tecnologie dell’informazione e della Comunicazione possono giocare per la competitività delle imprese, l’Osservatorio SMAU – School of Management del Politecnico di Milano ha analizzato le performance di 55 società di capitali finaliste del Premio Innovazione ICT negli ultimi 5 anni. Si tratta prevalentemente di imprese di piccole e medie dimensioni che hanno saputo innovare il proprio business attraverso le tecnologie digitali, sviluppando progetti ICT significativi. I dati dimostrano chiaramente come tali imprese abbiano saputo sopportare bene la congiuntura economico-finanziaria negativa degli ultimi anni, continuando a crescere sia a livello di fatturato che di marginalità”. Ora che i risultati sono quindi evidenti, la strada da seguire è più facile da trovare. Le tecnologie sono la chiave per uscire dalla crisi.

Alessandra Solmi