Europa League, Zurigo-Lazio 1-1: biancocelesti sprecano troppo

Zurigo-Lazio 1-1 – La Lazio non va oltre uno striminzito 1-1 sul campo dello Zurigo. Un vero peccato per i biancocelesti che passati in vantaggio con Sculli al 22′, pagano a caro prezzo, un minuto dopo, la disattenzione difensiva di Radu (gol di Nikci) ed hanno sprecato almeno 8 palle gol nitide per vincere. La squadra di Reja rimane, tuttavia, in piena corsa qualificazione nel Gruppo D di Europa League, dove lo Sporting Lisbona, per effetto della vittoria casalinga con il Vaslui (2-0), è già ampiamente qualificato. Lazio, Vaslui e Zurigo seguono tutte a quota 2 punti in classifica.  I capitolini si giocheranno tutto nella doppia sfida con elvetici e Vaslui: il passaggio del turno appare ampiamente alla portata della banda di Reja.

Succede tutto in un minuto – Manca l’uomo-derby: Klose riposa a Roma, spazio a Cissè come unica punta. L’avvio di gara è lento ma la Lazio riesce a trovare il vantaggio al 22′. Sugli sviluppi di un corner Sculli è lesto nel girare a rete nel cuore dell’area piccola. Sembra il preludio per una vittoria biancoceleste, in realtà è un segnale effimero. Lo Zurigo impatta immediatamente: Radu stringe troppo la diagonale sulla giocata di Alphonse al limite dell’area, Nikci trafigge Marchetti con un preciso diagonale di piatto destro che si insacca sotto l’incrocio. I romani accusano il colpo e tra il 34′ e il 35′ rischiano di capitolare. Lulic di testa sfiora il clamoroso autogol, poi è Magnin a insidiare la porta ospite con una precisa punizione mancina dai 22 metri: grande riflesso dell’estremo ex Cagliari. Il brivido scuote la Lazio: Cissè al 40′ cerca il gol al volo col destro, sfera a un niente dal palo.

Guatelli show – Il secondo tempo si apre con una novità nella formazione laziale: fuori il deludente Cana dentro Rocchi. Il 4-3-3 è l’arma che cambia la partita. Matuzalem prende in mano il centrocampo, gli ospiti crescono. Il capitano è subito pericoloso: Guatelli lo stende in area, ma l’arbitro sbaglia e non assegna un panalty che appariva sacrosanto. Minuto 11, Sculli spara in curva un assist illuminante di Cissè. Gli elvetici si fanno vivi poco dopo il quarto d’ora: Radu sbaglia ancora e si trasforma in assist man per Alphonse, errore clamoroso a tu per tu con Marchetti. La Lazio non placa la sua furia, Hernanes va vicino alla rete con un bel mancino da lontano. E’ il 25′ quando Cissè raccoglie un cross di Rocchi battendo subito col destro al volo: nuovamente decisivo Guatelli d’istinto. Non c’è tregua, Sculli fallisce un paio di agganci importanti prima dell’occasione che arriva a 1′ dalla fine: assolo di Lulic, traversone per il neo-entrato Kozak. Il colpo di testa del gigante ceco è splendido, altrettanto bella la risposta di Guatelli che toglie dalla rete il pallone che tiene in corsa lo Zurigo.

 

Umberto Grano