Sesso deludente: in Veneto un uomo su 4 ha problemi di erezione

Veneto, rapporti sessuali deludenti. Agli uomini veneti il primato per i rapporti sessuali più deludenti. Il 25% (contro il 18% della media nazionale) li considera poco appaganti: per la metà di loro la colpa è dello stress e di ritmi di vita troppo frenetici, che hanno effetti negativi sull’erezione, mentre il 20% confessa insicurezza e inadeguatezza di fronte a donne sempre più esigenti e determinate. Sono i dati che emergono da un’indagine nazionale, presentata ieri in provincia di Treviso nell’ambito del convegno “Benessere sessuale. Libertà di amare sempre”.

Rivolgersi a uno specialista è importante. Ad aggravare la problematica dei rapporti deludenti, vi è il fatto che il 42% degli uomini ha fatto ricorso alle pillole blu o ad aiuti farmacologici, ma solo il 4% delle compagne ne è a conoscenza. In Veneto il problema riguarda ben 134.000 persone ed è in crescita a causa di stili di vita sempre più scorretti, primo fra tutti il fumo.  “Le difficoltà sotto le lenzuola sono un fenomeno sempre più diffuso ma sottostimato — ha spiegato ieri il dottor Giovanni Drago, sessuologo presso il Centro di Medicina di Treviso e il Poliambulatorio S. Martino di Padova — negli ambulatori emerge infatti un Veneto fortemente inibito. Nel 90% dei casi il disturbo sessuale è di natura psicosociale, cause patologiche o meccaniche sono relegate al 10% dei pazienti. Si abbassa anche l’età media di chi ha problemi: il 15% ha meno di 40 anni”. E’ importante per questo che gli uomini che soffrono di disfunzionalità erettile si rivolgano all’urologo, all’andrologo, ai farmacisti e ai medici di famiglia, figure professionali che rappresentano un importante punto di riferimento per aiutarlo ad affrontare e risolvere i suoi problemi sessuali.

Adriana Ruggeri