Smau 2011: WineAmore, app per scegliere il vino

Smau, App WineAmore – Si tratta di “un  nuovo modo per scegliere il vino”. Ecco la nuova proposta direttamente dallo Smau 2011. L’idea di un app da presentare su di un iPad al ristorante, in sostituzione della classica Carta dei vini, nasce da un gruppo di esperti di nuove tecnologie che, dalle pagine del loro sito ufficiale, si dicono anche amici di vecchia data e amanti del vino. WineAmore nasce per rivedere in maniera innovativa i meccanismi che ruotano attorno alla Carte dei vini di un ristorante. Anzitutto si propone come un percorso interattivo nel quale è il cliente a indirizzare il cammino. Autonomia: non è più il ristorante ad imporre il suo modo di intendere la carta, ma l’iniziativa passa in mano al consumatore. Non si tratta più di sfogliare distrattamente le pagine della carta per poi optare per il vino della casa, ma di un’esperienza, unica nel suo genere, che offre diverse divertenti opzioni per trovare il vino che si sta cercando, offrendo nuove informazioni e rendendo la scelta più consapevole.

WineAmore, multilingue a portata di un click – Per fare un esempio, è il cliente a scegliere se avere una panoramica su tutti i vini rossi presenti o concentrarsi su quelli del Piemonte o sul suo vino preferito. Nuove informazioni: la scelta, poi, si fa più consapevole. Non sarà disponibile solo il nome del vino, ma anche il suo produttore, l’annata e una miriade di altre informazioni come la specie del vino, il metodo di vinificazione, il numero di bottiglie prodotte, premi e riconoscimenti ricevuti, la storia del produttore, suggerimenti per piatti da abbinare e tanto altro ancora. Multilingue: novità importante è anche quella di poter cambiare, con un semplice tocco con il dito, la lingua; un metodo, questo, per mettere il cliente a proprio agio, evitando scene imbarazzanti con camerieri non poliglotti. Ultima caratteristica, la semplicità. Intuitivo per il cliente, facile per il ristoratore che non deve fare nulla: sarà il team di WineAmore ad occuparsi di tutto, dall’installazione dell’applicazione all’inserimento del logo, dei colori e delle immagini del ristorante, fino al caricamento e al costante aggiornamento dei vini disponibili.

Gianrico D’Errico