Pagelle Zurigo-Lazio: Sculli illude, Cana delude ancora

Pagelle Zurigo-Lazio – La Lazio delude e non va oltre l’1-1 in casa del modesto Zurigo, nella terza giornata della fase a gironi dell’Europa League. Succede tutto in un minuto: al 21′ Sculli porta in vantaggio i capitolini ma sul ribaltamento di fronte Nikci ristabilisce la parità sfruttando uno svarione difensivo di Radu. I biancocelesti hanno avuto quasi sempre il pallino del gioco e  nel secondo tempo avrebbero meritato di vincere ma senza Klose i romani si riscoprono quasi totalmente anemici. Ora nel girone D con lo Sporting Lisbona in fuga (9 punti), l’attenzione è rivolta alla lotta per il secondo posto (che vale la qualificazione) tra Lazio, Zurigo e Vaslui (tutte a 2 punti). Non bisogna prendere gol dopo averlo fatto – il commento di Lopez al termine della gara -. Non eravamo preparati per continuare la gara, poi ci siamo ripresi. Nel secondo tempo non c’è stata storia. Siamo stati sfortunati negli episodi, ma la squadra non mi è dispiaciuta”.  

ZurigoGuatelli 7,5: stato di grazia. E’ stato l’eroe della serata in casa Zurigo. Merita assolutamente l’onoreficenza del migliore in campo. Superlativo un doppio intervento, a metà del secondo tempo, prima su un tiro di Cissè e poi su un colpo di testa di Radu sull’angolo seguente. Il numero 1 degli svizzeri, con le sue strepitose parate, ha permesso così alla sua squadra di conquistare un punto d’oro in un match che si preannunciava proibitivo. Magnin 6,5; Nikci 6,5, Chikhaoui 6,5, Koch 6, Beda 6, Teixeira 6,  Aegerter 6, Djric 6, Margairaz 6, Rodriguez s.v., Drmic s.v., Alphonse 5,5: sciupone. L’esperto attaccante francese non incide. Gioca una partita di grande sacrificio è vero, ma non è cinico quanto dovrebbe: al 77′ su un capovolgimento di fronte, uno svarione difensivo di Radu gli spalanca la porta laziale ma il 29enne attaccante dello Zurigo lascia partire un tiro sbilenco che termina tra le braccia di Marchetti.  (All.Fischer 6)

LazioSculli 6,5: spina nel fianco. E’ senz’altro il più vispo e volenteroso dei suoi. Segna il gol che potrebbe lanciare la Lazio verso il primo successo europeo della stagione, ma la sua prestazione non è tutta qui: corre come un matto a tutto campo e cala, come era prevedibile, solamente nel finale. Marchetti 6,5, Lulic 6,5, Matuzalem 6,5, Dias 6, Diakite 6, Rocchi 6, Radu 5,5, Gonzalez 6, Ledesma s.v., Hernanes 6, Cisse 6,5, Kozak s.v., Cana 5: chi l’ha visto. Falloso e inconcludente, stecca l’opportunità che Reja gli dà. La sua sostituzione, ad inizio ripresa, sembra togliere una zavorra alla Lazio. Da quel momento in poi il gioco dei capitolini diviene più fluido e a tratti arrembante, con ottimi fraseggi e azioni sempre pericolose. Difficile ipotizzare che, a questo punto, al centrocampista albanese possano essere concesse altre chance prossime gare.

Umberto Grano