MotoGP, Gresini: “Sic un ragazzo speciale”. Domani la salma in Italia

MotoGP, il dolore di Gresini – Fausto era il team manager del povero Simoncelli. Una guida, un maestro su cui fare affidamento nei momenti difficili del motomondiale. Una bellissima amicizia nata in appena due anni di avventure insieme. Ed improvvisamente tutto è finito: “Il giorno dopo si soffre ancora di più  dice Gresini ancora visibilmente scosso “E’ accaduto tutto così in fretta. Sono senza parole. So che il nostro è un mestiere pericoloso, che il rischio fa parte del gioco, ma speri sempre che non succeda nulla. Quando accade e ti ci trovi dentro cambia tutto, è difficile accettarlo. E’ stato un’incidente provocato da una serie di circostanze negativi incredibili, la moto che è andata verso l’interno della curva invece che all’esterno, essere investito sulla pista più larga del motomondialeTragica fatalità, una terribile concomitanza di eventi che ce lo hanno portato via.

Sic ragazzo speciale – “Ho tante immagini che riaffiorano alla mente” ContinuaMarco era spontaneo, uno che faceva sempre quello che pensava, con un cuore d’oro e sempre solare. Un ragazzo speciale che veniva da una famiglia speciale. Col padre Paolo avevano una complicità particolare, simile a quella che si ha tra fratelli, condividevano ogni momento della propria vita” Impossibile non ritornare con la mente alla tragica scomparsa di Daijiro Kato, suo pilota nel 2003: “Quella volta siamo riusciti a trovare la forza di continuare perché volevamo realizzare il sole di DaijiroOra però non si vuole pensare al futuro: “L’unica cosa certa è che la mia squadra non parteciperà al prossimo Gran Premio, a Valencia, né ai test in programma i giorni successivi alla gara” Ci sarà un’altro momento e modo per pensare al domani, ora bisogna rimanere uniti ed accettare questa terribile perdita.

Il ritorno a casa – Intanto si è saputo tramite la Farnesina che tutte le formalità sono già state eseguite e la salma del pilota arriverà in Italia (all’aeroporto di Fiumicino) domani mattina per le sette. Subito dopo verrà trasportata a Coriano, il paese natio di Simoncelli in provincia di Rimini, dove sarà allestita una camera ardente strettamente privata. Mercoledì poi (a discrezione della famiglia) sarà spostata nel teatro comunale per una camera ardente pubblica. Giovedì infine si celebreranno i funerali presso la Chiesa di Santa Maria, per poi recarsi al cimitero di Coriano paese. L’ultimo saluto ad un ragazzo che è entrato nel cuore non solo degli appassionati ma di tutti gli italiani. Una nazione intera che si stringe intorno al dolore di amici e familiari. Ed il sorriso del Sic che mai verrà dimenticato.

Riccardo Cangini