Ubriaco dopo le nozze, patente ritirata al parroco

Parroco ubriaco, patente ritirata. Un parroco di Bolzano si è visto ritirare la patente per essere risultato positivo all’alcoltest. Gli è costato così molto caro aver accettato l’invito di una coppia di novelli sposi a fermarsi dopo la cerimonia religiosa per partecipare al loro pranzo nuziale. Come pubblicato dal quotidiano Alto Adige, al rientro a casa il sacerdote è stato infatti fermato per un controllo di routine dai carabinieri, che lo hanno sottoposto all’alcoltest, a cui è risultato positivo. Il suo tasso alcolico era leggermente sopra il limite consentito di 0,5, ma non di molto. Per questo non è scattato il decreto penale e la confisca dell’autovettura. Il sacerdote dovrà in ogni caso pagare una multa salata e rinunciare qualche settimana alla patente.

La conferma dei carabinieri. Il codice della strada non ha quindi risparmiato il prete altoatesino, colpevole di aver alzato un po’ troppo il gomito e di essersi messo alla guida senza pensare ai rischi che un alto tasso alcolico nel sangue avrebbe potuto comportare una volta al volante. Il parroco, visibilmente imbarazzato, si è giustificato con i carabinieri dicendo di essere stato a un matrimonio e che in quelle occasioni, si sa, si beve di più. Una notizia che inizialmente ha fatto un certo scalpore, ma che dopo la conferma delle forze dell’ordine oggi fa sorridere tutti.

Adriana Ruggeri