Lettera degli scontenti del Pdl al premier: E’ ora di fare un passo indietro

Roma – Deputati del Pdl sarebbero pronti all’invio di una lettera indirizzata al premier, in cui si chiede un passo indietro per allargare la maggioranza, per poter portare a compimento le riforme chieste dall’Europa.

La lettera – Dopo la lettera contenente gli intenti del governo sulle misure da mettere in campo per fronteggiare la crisi, portata ieri in Europa, pare che il premier riceverà egli stesso una lettera da alcuni deputati del suo partito.
La tensione all’interno del Pdl, infatti, resta alta e non sono in pochi ad essere d’accordo con la richiesta di un passo indietro del premier.
Negli ultimi giorni, quando il pericolo di elezioni era notevolmente alto, e la tensione tra Pdl e Lega era ai massimi livelli, molti scajolani ed altri Senatori si erano detti pronti ad arrivare alla rottura finale con il Pdl.
L’obiettivo è quello di arrivare ad un allargamento della maggioranza, magari con l’ingresso dell’Udc, che si è sempre detto pronto ad appoggiare la maggioranza a patto che non sia guidata ancora da Berlusconi.
Il decreto sviluppo che arriverà al Senato, potrebbe segnare la rottura definitiva tra alcuni Senatori del Pdl vicini a Scajola e Pisanu, e il Pdl.
Il tempo è davvero agli sgoccioli, “per poter formare un governo tecnico”, ha ricordato Casini, dopodiché non rimane altro “che andare al voto”.

Matteo Oliviero