NewNotizie intervista Umberto Palazzo, frontman del Santo Niente

NewNotizie ha avuto modo di intervistare Umberto Palazzo, cantautore, disc jokey e musicista italiano frontman della band Santo Niente. Palazzo ora si avvia ad una nuova avventura da solista per rilanciare i suoi testi e le sue canzoni: quest’iniziativa è stata al centro dell’intervista.
Dal Santo Niente ad una Umberto Palazzo cantautore. Cosa porta a questo processo di trasformazione? 
C’è sempre stato un songwriter annidato in quella rock band. E ci sono sempre state delle canzoni propriamente dette in quel repertorio. Solo che nessuno sembrava accorgersene. A un certo punto mi è sembrato fosse il caso di metter mano a una raccolta che chiarisse questo aspetto del mio lavoro.
Sei arrivato in terreni artistici dai colori caldi e intimi e a tratti acustici, abbandonando il sound spietato e decisamente travolgente dell’indie rock più conosciuto. Processo di crescita, di trasformazione, di rivoluzione o di scoperta di una strada migliore?
Un processo di crescita, sicuramente, ma quello è costante. Lo strada non è migliore né peggiore, è solo un’altra strada che aggira il rock, che continua a piacermi e che continuo a frequentare con profitto.
Suoni, popoli, terre e costumi, il metallo percussivo, la mancanza di batterie…decisamente interessante tutto questo. Cosa raccontano davvero queste scelte?
Appunto l’immaginare come sarebbe stata la popular music se il rock non fosse apparso. Sono partito da materiali musicali esistenti alla fine degli anni 50 e ho immaginato come si sarebbero potuti evolvere in senso tecnologico e modernista senza la presenza dell’elemento rock. Ovviamente la mia è solo una dei miliardi di opzioni possibili. Sarebbe divertente se ogni musicista mettesse mano alla sua.
Ad oggi dove e come ascolteremo live questo nuovo progetto? On stage ti porterai i compagni del Santo Niente o troveremo nuove figure sonore (dato che il disco è tutto suonato da te)?
Suoneremo in due o in tre, con ampio uso di basi. Per ora non ha senso riarrangiare queste canzoni perché il concept è nell’arrangiamento ed è quello che devo portare in giro. La partner fissa sarà Sandra Ippoliti, grande voce e brava cantautrice.