UFO e media: presentato dal CUN il Libro Bianco degli avvistamenti

Un invito alla corretta informazione in tema di UFO basata sullo studio e sulla ricerca: questo il tema del X Convegno Nazionale di Ufologia organizzato dal CUN – Centro Ufologico Nazionale, che si è svolto a Roma lo scorso 22 ottobre. Al centro del dibattito, il Libro Bianco degli UFO, un ricchissimo dossier rivolto principalmente agli organi di informazione, curato dal presidente del CUN Vladimiro Bibolotti. Documenti ufficiali dei governi mondiali,  affermazioni di fisici, astronomi e uomini politici,  immagini inedite e filmati sono solo alcune delle testimonianze presentate al pubblico con l’intento di fornire una nuova chiave di lettura del fenomeno.

Ricerca e approccio scientifico – “Quando si  parla di UFO i media dovrebbero verificare le fonti, ma pare che oggi la ricerca sia passata di moda” ha detto Bibolotti durante il convegno. “Il Libro Bianco vuole essere un punto di non ritorno, una linea di demarcazione tra ufologia e ufomania” – continua il presidente del CUN, che ha ribadito più volte la necessità di trattare il fenomeno UFO con serietà e con approccio scientifico. A tale scopo, nel corso della manifestazione sono state mostrate  testimonianze attendibili  di fenomeni inspiegabili che, presentando costanti  ripetute  nel tempo, sono comparabili tra loro,  “e la comparazione – ha ricordato Bibolotti –  è alla base del metodo scientifico” .

I potenti della Terra e gli UFO – Della stessa opinione è Roberto Pinotti, fondatore e segretario generale del CUN: “Qui non si tratta di credere o meno agli extraterrestri. Si crede a una religione o ad una filosofia, ma in fatto di UFO si tratta solo di constatare se un evento è supportato da prove, e queste, come vedete, ci sono”. Del resto, il fatto che la maggior parte dei governi mondiali e persino la Chiesa abbiano ormai pubblicamente ammesso la realtà del fenomeno la dice lunga. Ma allora perché gli Stati Uniti sono così reticenti? Pinotti ne spiega le ragioni: “Ammettendo l’esistenza di entità aliene il governo americano rinuncerebbe al primato indiscusso di potenza mondiale, ma prima o poi si vedrà costretto a fare i conti con questa realtà”. Per questo, secondo Pinotti, l’intelligence avrebbe messo mano persino su Hollywood:  “il proliferare, negli ultimi anni, di pellicole in cui gli alieni appaiono ostili e malvagi fanno parte di un piano ben delineato per creare nell’opinione pubblica l’idea di un nemico esterno. Questo consentirebbe agli Stati Uniti di riaccreditarsi agli occhi del mondo come potenza mondiale pronta a difendere la popolazione dall’invasore alieno”.

Ufo in Italia – Il CUN ha raccolto ben 200 segnalazioni di avvistamenti UFO, tra gennaio ed agosto di quest’anno, che si possono reperire sul sito ufficiale del Centro. Dal 1947 ad oggi nel mondo sono stati calcolati piu’ di un milione di avvistamenti di oggetti volanti non identificati. Di questi, dopo accurate ricerche ed analisi, 150mila risultano “non spiegabili convenzionalmente”.

Sabina Delle Rose