F1, India: Massa primo nelle libere. Hamilton penalizzato di tre posizioni

F1, Massa leader – E’ partito con il piede giusto il fine settimana motoristico di Felipe Massa. Dopo il Gp della Corea il brasiliano pareva aver ritrovato una ottima forma agonistica, confermata anche sull’inedito circuito dell’India. Già dalla sessione del mattino la monoposto numero 6 si è issata nelle primissime posizioni, riuscendo a gestire una situazione non facile visto l’asfalto molto insidioso e sporco. Il balzo in avanti finale però è arrivato durante la seconda sessione, con un crono in 1.25.706, attuale nuovo record. Inoltre già dalle prime uscite la Ferrari ha voluto far provare a Felipe un nuovo alettone costruito in funzione 2012. Interessante notare come, in certe occasioni, le ali laterali di questo nuovo pezzo si abbassino sino a toccare il manto stradale, copiando un sistema già utilizzato dalla Red Bull in queste ultime due stagioni.

Vettel si conferma – Gli uomini in rosso evidentemente vogliono vivere la prossima annata da veri protagonisti e le restanti gare sono utilizzate come un (ottimo) banco prove. Meno felice invece Fernando Alonso, costretto a saltare quasi tutta la prima sessione causa noie al motore e recuperare tutto il tempo perso in appena un’ora e mezza. Lo spagnolo comunque è terzo a due decimi dal compagno di squadra, sottolineando una Ferrari per ora veloce ed equilibrata. Sebastian Vettel però si rileva anche qui un rivale più che tosto, chiudendo in seconda posizione per appena una manciata di millesimi. Certamente la squadra campione del mondo in carica non ha voluto sfruttare al massimo tutto il potenziale e l’ottimo tempo fatto registrare dal tedesco indica una RB7 a suo agio anche nei nuovissimi saliscendi indiani. Leggermente più arretrato Webber, quinto in mezzo al duo tutto inglese della Mclaren.

Penalità per Lewis – Hamilton è quarto, competitivo ma già penalizzato dai commissari FIA. Nella sessione mattutina infatti era riuscito a segnare il tempo più veloce, non rispettando però le bandiere gialle in quel momento esposte causa una rottura meccanica alla Williams di Maldonado. Sarà perciò penalizzato di tre posizioni in griglia, vanificando una possibile pole visti i precedenti di quindici giorni fa. Identica sorte a Sergio Perez, anche lui non rispettoso del regime di pericolo in pista. Jenson Button invece continua a lavorare con calma sul set-up della sua monoposto. Il sesto tempo non è certamente un risultato soddisfacente, ma c’è tempo per migliorare. Giornata nera per il duo Mercedes. Rosberg è diciottesimo mentre Schumacher addirittura quartultimo, fortemente rallentato da vari problemi tecnici. Ci aspetta un appuntamento iridato molto interessante.

Riccardo Cangini