Serie A, top e flop della 9a giornata

Top e Flop della nona giornata – La nona giornata vede la Juventus tornare alla vittoria battendo la Fiorentina, che continua il suo periodo discendente, ma la notizia di giornata è sicuramente la sconfitta dell’Udinese, che al San Paolo perde l’importante scontro col Napoli: prima sconfitta per i bianconeri che vengono scavalcati dai ragazzi di Conte, ma non dalla Lazio, fermata dal Catania di Montella. In coda l’Inter pareggia con l’Atalanta grazie anche a Castellazzi.

I top di NewNotizie: Sul primo gradino del podio dei top troviamo Antonio Nocerino, scaricato dal Palermo per questioni economiche e che al Milan ha trovato le conferme che cercava. Arrivato in sordina, e quasi per sbaglio, l’ex centrocampista rosanero trova la sua prima tripletta in rossonero e Allegri può crogiolarsi ancora una volta di una partita vinta quasi sull’individualità di un giocatore. Al secondo posto troviamo Ezequiel Lavezzi, che dopo la pessima prestazione di domenica si fa perdonare con una partita maiuscola contro l’Udinese, relegata a subire reti sotto i colpi dell’argentino. Sul terzo gradino, con una menzione d’onore, troviamo Luca Castellazzi, che salva l’Inter dal naufragio contro l’Atalanta parando un rigore, comunque facile, a German Denis.

I flop di NewNotizie: Tra i giocatori che più hanno deluso le aspettative troviamo sicuramente Alessio Cerci, che avrebbe dovuto fare la differenza a Torino invece si lascia andare ad una prestazione negativa, pari a quella di Cesena, dove aveva brillato per appena cinque minuti, non abbastanza per il salto di qualità necessario ad un giocatore come lui. Al secondo posto troviamo Christian Chivu: il difensore nerazzurro, desideroso di un rinnovo contrattuale, fa di tutto per convincere la società milanese di non meritarlo a suon di errori e svarioni. Uno dei pochi che nel giorno del proprio compleanno dedice di fare regali, piuttosto che riceverne. All’ultimo gradino troviamo il malcapitato Fletscher, difensore del Parma, che apre la strada a Ibrahimovic per il 3 a 0 del Milan e diverse volte ad Antonio Cassano, che torna a mostrarsi anche giocoliere con i piedi grazie all’incredibile palcoscenico che gli allestisce il difensore giallocrociato.

Mario Petillo