La casa editrice Utet dedica un volume a Verdi, uomo e artista

La casa editrice Utet in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Studi Verdiani di Parma ha realizzato il volume “Verdi. L’uomo, l’artista, il mito”, «un modo diverso per valorizzare, dal punto di vista estetico e contenutistico, un patrimonio artistico, musicale e letterario già ampiamente noto», secondo le parole dell’Amministratore Delegato di Utet, Marco Castelluzzo.

Verdi uomo e artista – Il volume ripercorre in modo originale la vita pubblica e privata del grande compositore, una delle figure più importanti del nostro Risorgimento, attraverso la produzione di numerosi documenti come lettere, ritratti, scritti autografi, partiture, scenografie delle opere, figurini dei personaggi, copertine dei libretti e manifesti. Ad arricchire il racconto, una preziosa collezione di dieci figurini, firmati da Nicola Benois per l’edizione del  “Nabucco” rappresentata al Teatro alla Scala di Milano nella stagione teatrale 1966/67, e la riproduzione di una selezione di pagine tratte dall’Album Verdi, una curiosa raccolta di documenti realizzata da Ercole Alberghi nel 1913 e custodita alla Biblioteca Nazionale di Napoli. A completare il volume la riproduzione in facsimile del primo quartino dello spartito autografo della “Traviata”, noto come “Cena a casa di Margherita” e il disco in vinile a 78 giri contenente la riproduzione degli storici brani del “Disco del centenario 1813-1913”.

Omaggio alla storia d’Italia – «La storica casa editrice torinese è sempre stata un punto di riferimento per chi in Italia sa amare e apprezzare la cultura del nostro Paese, che proprio quest’anno celebra i suoi 150 anni di Unità – ha dichiarato Castelluzzo –. A questo importante anniversario ha infatti dedicato le maggiori opere prodotte negli ultimi due anni, a partire da “La cultura italiana”, diretta da Luigi Luca Cavalli Sforza e dal volume di pregio “1861” curato dal professor Umberto Levra» .

Valentina De Simone