Esclusivo Quarto Grado sull’assassino di Yara ma bisogna essere cauti

Omicidio di Yara.  L’inviato di Quarto Grado, Giorgio Sturlese Tosi,   venerdì scorso 28 ottobre 2011, ha affermato durante la diretta su Retequattro, nel corso del collegamento da Chignolo d’Isola, “L’assassino di Yara potrebbe avere le ore contate”. Una notizia clamorosa che fa capire che nelle indagini relative all’omicidio di Yara Gambirasio ci sono dei notevoli risvolti. Giorgio Sturlese Tosi è venuto a sapere da fonti qualificate e autorevoli che sebbene non ci sia ancora la certezza di un arresto imminente, nell’ambiene investigativo, per la prima volta dopo così tanto tempo, c’è finalmente ottimismo.

Ovviamente viene sottolineato la necessità del massimo riserbo dell’operazione ma si sa che “La Squadra mobile, la Polizia scientifica e il personale del Servizio centrale operativo della Polizia è in stato di mobilitazione. Le pattuglie stanno perlustrando il territorio. Ferie e permessi sono sospesi, persino gli inquirenti hanno cancellato i propri impegni personali”. Insomma, non si sa ancora se gli investigatori hanno già identificato il sospetto o i sospetti assassini di Yara Gambirasio ma si è certi ormai della svolta clamorosa e importante nelle indagini sulla morte della giovanissima ragazza. E di certo tale svolta è il risultato del grande lavoro di comparazione tra il dna dell’assassino prelevato sugli slip di Yara e i profili biologici prelevati alla popolazione.

Le dichiarazioni ufficiali però sono molto caute e il questore di Bergamo Vincenzo Ricciardi attenua gli entusiasmi: “Ottimismo, fibrillazione? L’ottimismo c’è sempre stato, altrimenti ci saremmo già arresi di fronte ad un’indagine così difficile. Ma svolte non me ne risultano.”

Caterina Cariello