Cassano, seconda notte in ospedale. Neurologo: Forse un lieve ictus

Cassano forse colpito da lieve ictus. A fare questa ipotesi sul malore che sabato scorso ha colpito Antonio Cassano, è stato il neurologo Roberto Sterzi, precisando però la necessità di  accertamenti  neuroradiologici e vascolari. Solo così infatti si potranno comprendere le reali cause del malessere del bomber rossonero. “Nelle persone giovani – ha spiegato Sterzi, già primario al Niguarda – episodi del genere, non infrequenti, possono avvenire per un danneggiamento di un’arteria; ciò può succedere anche per qualche trauma provocato durante l’attività sportiva. Ma non è da escludere un calo della pressione o un episodio di ipoglicemia“. Cassano comunque sta meglio ed i sintomi del malore sembrano essere scomparsi. Probabilmente rimarrà in ospedale almeno per tutta la giornata di oggi, durante la quale i medici del Policlinico lo sottoporranno ad ulteriori esami.

Due notti in ospedale.  Antonio Cassano ha passato la seconda notte in ospedale, ricoverato nel reparto di neurologia del Policlinico di Milano. Fantantonio si era sentito male dopo il suo ritorno da Roma in aereo, iniziando ad avere difficoltà a parlare, annebbiamento della vista e perdita di equilibrio. Trasportato d’urgenza presso la struttura sanitaria milanese, si è poi ripreso, ma le cause del malore restano sconosciute. Cassano è stato infatti sottoposto ad una serie di esami standard, risultati tutti negativi. Poche le informazioni che  l’organizzazione del Milan ha lasciato trapelare fin dal principio, in modo da garantire la privacy al giocatore colpito da malessere. il rossonero ovviamente non partirà per Minsk, dove il Milan domani affronterà il Bate Borisov per la Champions League, ma lo stop agonistico di Fantantonio potrebbe essere  anche più lungo.

A.S.