Chi fa sport è più felice e meno depresso

Attività fisica, antidoto contro la depressione. Chi pratica attività sportiva sarà meno depresso nella terza età. A sostenere la tesi che una regolare attività fisica sia associata a un minor rischio di soffrire di depressione nella vecchiaia è una ricerca condotta nell’ambito della più ampia indagine SHARE (Survey of Health, Ageing and Retirement), finanziata dall’Unione Europea con lo scopo di studiare la salute degli anziani e dei pensionati europei.

Come spiega Magnus Lindwall, docente in Psicologia della salute dell’Università di Goteborg (Svezia), “non sappiamo ancora con certezza quale sia il rapporto tra attività fisica e depressione, ma ciò che è chiaro è che le persone anziane fisicamente attive sono anche meno depresse. Livelli elevati di depressione possono portare a svolgere meno esercizio fisico. Questo suggerisce che vi è una reciproca influenza”. Lo studio è stato realizzato monitorando per un anno e mezzo lo stile di vita e le cartelle cliniche di circa 17.500 cittadini europei di 64 anni di età media provenienti da 11 Paesi. “Questo studio – conclude il dottor Lindwall – è uno dei primi a guardare a come l’attività fisica influenzi la depressione futura e viceversa, e a come i cambiamenti nello svolgimento dell’attività fisica siano associati a cambiamenti nella depressione nel corso del tempo”.

Adriana Ruggeri