MotoGP, Valencia: Stoner beffa Spies e vince. Rossi subito out

MotoGP, Gp Valencia – Già alla fine del primo giro Casey Stoner era lontano, lontanissimo. Un secondo più veloce di tutti, ritmo inarrivabile per chiunque ed una vittoria più che sicura. Poi la pioggia, prima timida e leggera, si è fatta intensa e le condizioni della pista sono mutate per l’ennesima volta. Pochi minuti e l’immenso distacco dal seconda si è azzerato, con Ben Spies coraggioso e soprattutto bravissimo a crederci sino all’ultimo. Negli ultimi giri l’americano sembrava aver tutto sotto controllo, poi arriva l’ultima curva, la Honda numero 27 esce con più trazione rispetto alla Yamaha e taglia il traguardo per prima. Quindici millesimi di distacco che consegnano il decimo centro stagionale al centauro stagionale, mentre Spies è incredibilmente relegato alla seconda piazza. Il risultato finale comunque rimane meritato visto che Casey è sempre stato il più forte in tutto questo week-end, superiore anche ai suoi compagni di marca.

Bravo Dovi – La seconda Honda è quella del partente Dovizioso, finito sul gradino più basso del podio e contentissimo di aver difeso la terza posizione in classifica iridata ai danni di Daniel Pedrosa, quinto e stranamente in difficoltà dopo una prima parte di altissimo livello. L’italiano e lo spagnolo infatti hanno infiammato tutta la prima parte della corsa, con staccate e sorpassi emozionanti in vero stile MotoGP. Andrea ha cercato di evitare una fuga di Dani, notoriamente più veloce di lui a Valencia, piazzandosi davanti appena possibile e costruendo una intelligente strategia che, alla fine, ha pagato. Da domani inizierà per lui una nuova vita, lasciando la casa dell’ala per la rivale Yamaha e ricostruendo obbiettivi e sogni. Con il Sic sempre nel cuore.

Classifica – Finisce male invece l’anno 2011 per Valentino Rossi e la Ducati. Dopo un turno di libere e qualifiche positivo, tutto si è concluso alla prima curva, con la caduta di ben quattro piloti. Bautista perde l’anteriore della sua Suzuki dopo un piccolo contatto proprio con Dovi, trascinando con se tutte le moto che erano al suo fianco. Rossi, Hayden e De Puniet si ritrovano in un attimo nelle vie di fuga, senza sapere che è successo e soprattutto costretti ad un mesto ritiro. Le speranze del pilota di Tavullia di fare una bella gara per Simoncelli si sono frantumate quasi subito, lasciando un sapore amaro in bocca ma l’assoluta voglia di tornare protagonista nel 2012. Proprio per questo i primi test invernali di martedì (sempre qui in Spagna) saranno fondamentali per gli uomini in rosso, sperando che d’ora in poi inizia una lenta ma vera crescita. Bene settimo Capirossi, da oggi non più un pilota ma una leggenda del motociclismo. A seguire la classifica finale:01)Casey Stoner 02)Ben Spies 03)Andrea Dovizioso 04)Cal Crutchlow 05)Dani Pedrosa 06)Katsuyuki Nakasuga 07)Josh Hayes 08)Karel Abraham 09)Loris Capirossi 10)Toni Elias 11)Hector Barbera 12)Hiroshi Aoyama

Riccardo Cangini