Basket, 5^ giornata Lega A: Siena carro armato, vincono Milano e Venezia

Basket, 5^ giornata Lega A – E’ nella 5^ giornata di Lega A che Siena torna a dettare legge: dopo alcune prove non proprio convincenti, la Montepaschi si ritrasforma nel solito rullo compressore e fa un sol boccone della malcapitata Roma: 85-52 il finale, con l’andamento della partita sempre fortemente sbilanciato verso la franchigia toscana: impressionante il pacchetto play-guardie di Siena, con Rakocevic, Aradori e McCalebb impressionanti. Venezia pare non aver patito il clamoroso ripescaggio, avvenuto solo pochi giorni prima dell’inizio del Campionato, e mostra tanta qualità andando a sbancare il parquet di Pesaro, con un Clark da 17 punti. Bene, ma soffre oltremisura, Milano che vince con soli 3 punti di scarto in quel di Casale: decisivo l’ultimo quarto con Giacchetti e Hairston su tutti. Di misura anche la vittoria di Teramo, che batte la Virtus Bologna cui non basta la veemente reazione di McIntyre nel finale.

Cantù cade – Inciampa Cantù in trasferta: Treviso, nonostante Gentile non esalti, vince 72-55. Avellino continua a vincere: a farne le spese è Sassari, che si piega dinanzi ad un Green da 22 punti a referto. Varese infligge la prima sconfitta stagionale a Caserta: le due compagini firmano parziali e controparziali, ma alla fine la Cimberio ha la meglio con Stipcevic (16 punti) decisivo nel finale. Da segnalare la vittoria in trasferta di Biella, dove una spenta Cremona cede ai piemontesi per 58-79. Ha riposato, in questa giornata, Montegranaro.

Risultati e classifica – Questi i risultati della 5^ giornata di Lega A: Cremona-Biella 58-79; Treviso-Cantù 72-55; Siena-Roma 85-52; Avellino-Sassari 96-79; Casale-Milano 64-67; Pesaro-Venezia 58-71; Teramo-V. Bologna 73-72; Varese-Caserta 85-82; riposa: Montegranaro. Questa la classifica: Milano 8, Siena 8, Avellino 8, Varese 8, Caserta* 6, Biella 6, Cantù 6, Treviso* 4, Venezia* 4, Pesaro* 4, V. Bologna 4, Roma 4, Sassari 4, Montegranaro* 2, Teramo 2, Cremona 2, Casale o.
*= ha effettuato il turno di riposo.

Edoardo Cozza