Berlusconi non molla: Abbiamo ancora la maggioranza

Silvio Berlusconi ha scelto di affrontare con il proverbiale ottimismo il momento di conclamata difficoltà all’interno del suo partito e, in collegamento telefonico con il convegno “Azione Popolare” organizzato dal responsabile Silvano Moffa, ha ieri ribadito l’intenzione di rimanere ben saldo al comando del governo. “La maggioranza c’è ancora”, ha detto il Cavaliere, che ha subito aggiunto: “Votare contro i provvedimenti economici su cui l’Italia si è impegnata con l’Ue equivarrebbe a votare contro l’Italia”.

La maggioranza c’è – “Nonostante le defezioni che mi auguro possano rientrare, siamo ancora maggioranza. Abbiamo verificato in queste ore con numeri certi che la maggioranza c’è”. Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, è partito da qui per rimarcare ieri ai sodali del nuovo capogruppo di Popolo e territorio, Silvano Moffa, l’intenzione di rimanere alla guida del Paese, nonostante gli “sbandamenti” delle ultime ore.

L’invito all’opposizione – Da qui l’invito rivolto all’opposizione: “Riveda l’atteggiamento negativo che ha mostrato sinora – ha detto il premier – e agevoli il varo di queste riforme per l’Italia, come ha già fatto positivamente nello scorso mese di agosto con la nostra manovra. Se votasse no, si schiererebbe contro l’Italia, se dovesse fare ostruzionismo lo farebbe contro l’Italia “. E sul “commissariamento” del nostro Paese da parte dell’Europa e del Fmi: “La Commissione europea farà le sue verifiche – ha spiegato il capo del governo – Noi abbiamo chiesto anche al Fmi di verificare l’andamento dell’approvazione di queste riforme per certificarle nei confronti di tutti, non per altro. La richiesta, voglio ripeterlo, è venuta da noi e possiamo ritirarla – ha assicurato Berlusconi – quando vogliamo”.

Maria Saporito