La Carlucci lascia il Pdl per l’Udc di Casini

Continua l’emorragia all’interno del Pdl. A pochi giorni dalla conclusione del G20 di Cannes (dove l’Italia è stata trattata da “malata” grave), il premier Silvio Berlusconi ha dovuto fare i conti con una situazione interna sempre più traballante. Al gruppo degli “scontenti” che hanno fatto i bagagli per unirsi ai centristi di Pier Ferdinando Casini si è ieri aggiunta anche una fedelissima come Gabriella Carlucci, che ha dichiarato: “Serve un governo di larghe intese“.

Le nuove strade della Carlucci – L’addio di una delle donne simbolo della politica berlusconiana al Pdl è stato sancito ieri da una breve nota. “Ho cambiato la mia vita, con grandi sacrifici familiari, perché ho creduto nella politica – ha scritto Gabriella Carlucci – ma non in quella che da qualche tempo non riesce a preoccuparsi di quanto drammaticamente sta accadendo e ritengo che un governo di larghe intese possa essere l’unica soluzione per salvare il Paese. Aderisco all’Udc, partito che fa parte del Ppe – ha spiegato l’ex pidiellina – perché spero che i moderati possano trovare nuove strade“.

Grazie a Fitto – Ma prima di andare via dal partito del Cavaliere, l’ex conduttrice tv ha voluto tributare i dovuti ringraziamenti: “Desidero ringraziare, tra le tante, una delle persone che mi è stata sempre vicina in questi anni – ha scritto – ed a cui va la mia totale stima, il ministro Raffaele Fitto“. Nessun accenno al presidente del Consiglio, ferito mortalmente dall’ex “protetta”: tradito e dimenticato.

Maria Saporito