Fiorentina, ufficiale: Mihajlovic esonerato, Delio Rossi nuovo tecnico

Fiorentina, Delio Rossi – La sconfitta di Verona è stata fatale: Sinisa Mihajlovic non è più l’allenatore della Fiorentina. Al suo posto arriva Delio Rossi, che ha firmato con il club gigliato un contratto per un anno e mezzo. A darne notizia è il sito del club toscano attraverso una nota ufficiale: “ACF Fiorentina comunica il cambio della guida tecnica della prima squadra. A Sinisa Mihajlovic, che ha ricoperto questo ruolo con impegno e professionalità, vanno i più sentiti ringraziamenti della società e i migliori auguri perché la sua carriera possa continuare con crescenti soddisfazioni e meritati successi. Un ringraziamento particolare anche allo staff tecnico che lo ha assistito. Il nuovo allenatore sarà Delio Rossi, che ha raggiunto un’intesa per guidare la prima squadra fino al 30 giugno 2013“.

Esulta il popolo viola – Alla fine, dunque, ha prevalso la volontà della piazza. Già da diverse settimane i tifosi invocavano l’arrivo dell’ex tecnico di Lazio e Palermo sulla panchina viola. Troppo deludente il gioco espresso dalla squadra per un pubblico esigente come quello gigliato. La classifica, poi, ha fatto il resto: dopo la sconfitta del Bentegodi, i viola hanno appena 12 punti in dieci gare. Pochi, troppo pochi, per una squadra che in estate ambiva ad un piazzamento in Europa e che invece è costretta a guardarsi le spalle, con la zona B distante solo 4 punti. Così la società ha preso l’unica decisione possibile: allontanare il tecnico. Non tanto perché Mihajlovic sia considerato il responsabile numero uno di questa situazione (sono i giocatori, anzi, ad aver suscitato le maggiori ire dei Della Valle), quanto per dare il classico scossone: da ora in avanti nessuno avrà più alibi.

Rossi preferito a Del Neri – Per arrivare all’esonero del tecnico serbo si è dovuti passare attraverso una giornata convulsa. In mattinata, Corvino ha convocato Mihajlovic per convincerlo a rassegnare le dimissioni. Ricevuta la risposta negativa, si è dovuti passare all’azione di forza. Ma quale allenatore chiamare al suo posto? Il primo tentativo pare sia stato fatto per Carlo Ancelotti, ma si è capito subito che si trattava di un desiderio irrealizzabile. A quel punto le scelte erano due: Gigi Del Neri, preferito da Corvino, o Delio Rossi, apprezzato dai Della Valle. Alla fine ha prevalso il volere della proprietà, per altro appoggiata in maniera molto pressante dai tifosi. Con quello di Mihajlovic, la Serie A saluta il sesto esonero di questa stagione: dopo Donadoni e Pioli, allontanati ancor prima dell’inizio del campionato da Cagliari e Palermo, sono stati cacciati Gasperini (dall’Inter dopo la 4^ giornata), Bisoli (Bologna, 6^) e Giampaolo (Cesena, 10^). Considerato che siamo solo al 7 novembre, come inizio non c’è male.

Pier Francesco Caracciolo