Nazionale, Balotelli: “Pronto ad assumermi le responsabilità”

Nazionale, Balotelli – E’ destinato a diventare il giocatore leader della Nazionale italiana ai prossimi Europei (considerati anche i dubbi legati alla presenza di Rossi e Cassano) ma le responsabilità non sembrano preoccuparlo. Mario Balotelli parla da giocatore maturo e da trascinatore: “Posso arrivare al top, se sono bravo andrò avanti, se sono solo fortunato no. La pressione addosso ora che non ci sono Cassano e Rossi? Ce le ho sempre. Io le responsabilità sono pronto ad assumermele. Poi magari c’è gente che pensa che non lo sia“. Responsabile sì ma senza perdere la sregolatezza che l’ha portato agli albori delle cronache anche per le sue avventure extracalcistiche: “Si tende più a parlare della mia vita privata che di quello che faccio sul campo. È?normale, ma mi dà fastidio. E se non facessi quello che faccio, sarei noioso. Non sono matto, per niente. Anche se posso fare cose strane. I giornali inglesi come il Sun sono peggiori di quelli italani. Un giornale che mette le donne nude in prima pagina mi fa schifo. Nel peggio, meglio l’Italia“.

Il Futuro – L’attaccante ha poi continuato parlando del suo prossimo futuro in nazionale: “È ora che mi svegli in azzurro, non ho ancora segnato un gol, e la Nazionale è la cosa più bella per un calciatore” e di un possibile ritorno in Serie A: “Quanto mi manca il campionato italiano? Zero. Un giorno vedremo, se dovessi tornare a giocare in A lo farei in Lombardia. Se ci fossero le basi per tornare all’Inter, ci tornerei anche. Se il club puntasse in alto e i tifosi fossero tranquilli. Quanto sono stato vicino al Milan? Non lo so. Il Milan mi piace e non lo nascondo, è una grande società e ha una squadra con tanti campioni con i quali mi piacerebbe giocare. Però ora mi trovo bene in Inghilterra, abbiamo una grande squadra al City“.

Gianluca Purgatorio