Bob Dylan e Mark Knopfler insieme sui palchi italiani

Insieme sul palco – Bob Dylan e Mark Knopfler sullo stesso palco: è successo ieri sera, prima delle quattro date italiane, al Palasport di Padova, dove hanno registrato il tutto esaurito, e succederà in altre tre date qui in Italia: l’11 novembre prossimo al Mandela Forum di Firenze, il 12 novembre al Palalottomatica di Roma e il 14 novembre al Mediolanum Forum di Assago (Mi). Un evento unico che vede come protagonista indiscussa la musica: quella del menestrello degli Usa, Bob Dylan, con la sua voce accattivante, e quella del frontman dei Dire Straits, Mark Knopfler, con il suo sound inconfondibile.

Le band – Durante i concerti qui in Italia non è detto che i due mostri sacri della musica internazionale duettino insieme. Le band che li accompagnano annoverano al loro interno nomi importanti del panorama musicale mondiale. Dylan ha al suo fianco Tony Garnier al basso, George Recile alla batteria, Donny Herron (mandolino e violino) e Charlie Sextoon e Stu Kimball alle chitarre. Mark Knopfler per l’evento ha messo su una band da capogiro composta dal chitarrista Richard Bennett, Glenn Worf al basso, Ian Thomas alla batteria, Guy Fletcher alle tastiere, Jim Cox al piano, John McCusker al violino e Mike McGoldrick ai flauti.

Prime collaborazioni – Le prime collaborazioni tra il chitarrista più virtuoso di Duluth e l’ex leader dei Dire Straits risalgono alla fine degli anni Settanta, quando Dylan invitò Knopfler a collaborare al suo disco ‘Slow train coming’ dopo aver assistito a un concerto dei Dire Straits. Knopfler ha poi prodotto, sempre per Dylan, l’album ‘Infidels‘. Ora i due mostri sacri del rock hanno deciso di girare insieme l’Europa, ognuno portandosi dietro la propria band, anche se tutti sperano che interagiranno sul palco in qualche maniera. La loro prima tappa è stata Dublino, il 6 ottobre scorso,. Ora li aspetta un calendario fittissimo che prevede più di trenta concerti in due mesi.

Maria Rosa Tamborrino