Games Week: provato NBA 2K12!

Games Week, NBA 2K12 – Release annuale e puntuale come i più famosi titoli calcistici, il nuovo NBA 2K12 è probabilmente il gioco più amato dagli appassionati del pallone a spicchi. Quest’anno il titolo di 2K Sports raggiunge un livello di simulazione molto elevato, mostra un sonoro davvero ottimo e presenta una grafica scintillante, da far stropicciare gli occhi. Tra le tante modalità di gioco non mancherà neanche quest’anno My Player, che permette al giocatore di crearsi un alter ego virtuale con per poter iniziare una carriera alla ricerca, in un primo momento, di accumulare minutaggio in prima squadra e col passare del tempo di guadagnarsi un posto da titolare.

La nostra prova – Pad in mano, il gioco è molto simulativo, restituisce al giocatore la sensazione di trovarsi su un parquet reale. Grazie anche alla semplificazione del palleggio (adesso delegato alla pressione del grilletto e della leva analogica sinistra) i comandi risultano tutto sommato user-friendly, senza richiedere ore ed ore di allenamento. Ciò lo rende un prodotto appetibile per i neofiti, ma grazie al livello di difficoltà crescente anche i giocatori più smaliziati saranno in grado di tessere al meglio le loro trame sui parquet della NBA. Peccato per un comparto online non propriamente completo che comunque non mina la bontà di un lavoro di ottima qualità. Per Nba 2k12 è stato allestito al Games Week un vero e proprio campo di pallacanestro in miniatura (cliccare su Gallery in basso a destra).  A lato del rettangolo di gioco, come sempre si potrebbe aggiungere, una vera e propria leggenda vivente della pallacanestro, Dan Peterson.

R. A.