Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Messico: Baby-mamma partorisce a 10 anni

CONDIVIDI

Baby mamma. A Puebla, in Messico, una bambina di 10 anni ha partorito, alla 31esima settimana di gestazione, un piccolo prematuro. Alla “mini-madre” è stato praticato il taglio cesareo, dando alla luce un maschio che pesava circa un chilo e mezzo. Nonostante sia nato solo durante il settimo mese di gravidanza, il bambino è in buone condizioni e lo è anche la sua baby-mamma che si reca ogni giorno in ospedale, nel reparto per neonati prematuri,  ad allattarlo. Questo non è il primo caso di mamme bambine in Messico. L’anno scorso, una undicenne partorì un bambino prematuro dopo essere stata violentata dal suo patrigno, più vecchio di lei di dieci anni. Quando venne scoperto, lo stupro fu denunciato alla polizia dalla madre della ragazzina.

Vietato abortire. Adesso la polizia sta indagando per conoscere l’identità del papà del piccolo. In Messico è vietato abortire, e alle donne che lo fanno clandestinamente e vengono scoperte, tocca il carcere o una multa, a meno che la gravidanza non sia scaturita da una violenza sessuale. Ciononostante, circa dodici anni fa, a una tredicenne vittima di violenza nello stato di Baja, non fu consentito l’aborto. La ragazzina partorì ma, successivamente, portò il suo caso alla Commissione Inter-Americana dei Diritti umani che avviò una campagna internazionale per chiedere il risarcimento al governo messicano. La giovane, alla fine, ricevette un indennizzo pari a più di 20mila sterline.

Giovanna Fraccalvieri