Spagna, padre uccide la figlia: Me lo ha ordinato il diavolo

Delitto contronatura. Un terribile fatto di cronaca ha riempito ieri le pagine dei quotidiani spagnoli. Un padre ha ammazzato la figlia di appena due anni nel modo più cruento possibile. Il genitore, in preda alla follia, ha decapitato la bambina, probabilmente con un coltello, davanti all’altra figlia di sei anni che, naturalmente, è rimasta terrorizzata. La moglie non era in casa. Subito dopo il cruento delitto, l’uomo ha chiamato  la polizia e ha spiegato il folle gesto in questo modo: «Me lo ha ordinato il diavolo».

Il diavolo comanda. Teatro della tragedia la città di Girona, alle porte di Barcellona. L’uomo 34enne, di origine colombiana, identificato come Marcelo R. O, all’arrivo della polizia non ha mostrato nessun pentimento per l’omicidio commesso e ha spiegato agli agenti la dinamica della funesta vicenda con il cadavere della piccola ancora sul posto. Un fatto “poco abituale” rileva l’agenzia Efe, dato che solitamente, la ricostruzione dei delitti avviene dopo la rimozione del corpo. Secondo le farneticazioni del folle padre, all’origine dell’assassinio, ci sarebbe  l’ordine di un demone da cui era posseduto. Il “sacrificio” della figlia però, non sarebbe stato sufficiente a soddisfare le bramosie del demone che, a detta dell’uomo, continua a tormentarlo.

Demoni.  Fatti di questo tipo sono accaduti ultimamente anche in altri Paesi. Di recente l’Italia è stata teatro di un episodio simile; un uomo aveva commesso un gesto a dir poco assurdo, dicendo di essere perseguitato dal diavolo. Un’altra vicenda raccapricciante è accaduta in Giappone dove invece, vittima dell’”ossessione demoniaca” è stata una ragazzina di tredici anni.  Com’è possibile che la nostra società, iper razionale, generi simili mostruosità? Forse la risposta è nella domanda stessa. Un eccesso di razionalità può essere cieco difronte alla pazzia; incapace di  riconoscerla, comprenderla e curarla.

Giovanna Fraccalvieri