L’infedele, puntata del 14 novembre: la formazione del governo Monti

L’infedele, la puntata di stasera, lunedì 14 novembre – Nuovo appuntamento con Gad Lerner e L’infedele, dove non mancherà la discussione in diretta sulla formazione del governo tecnico con a capo Mario Monti; un governo che ricorda il passato dei tecnici (1992-1998) da Amato a Ciampi, da Dini a Prodi, ma stavolta la situazione economica è ben più grave rispetto ai vecchi tempi. Ma il governo Monti rappresenta davvero un governo tecnico provvisorio o potrebbe dare l’avvio ad una nuova stagione politica?

Gli ospiti – La serata si aprirà con la performance di Pippo Delbono, attore che interpreterà William Shakespeare e la follia che spesso si accompagna al potere. Inoltre, in studio sarà presente il giurista Franco Cordero; l’economica Michele Salvati, autore di Tre pezzi facili sull’Italia (il Mulino); Roberto D’Alimonte, espero di sistemi elettorali; Ida Dominijanni, giornalista de Il Manifesto; il dissidente Roberto Antonione (Pdl); Andrea Gibelli, vicepresidente della Regione Lombardia; l’economista ambientale Guido Viale e le giornaliste Kirstin Hausen e Marie-Noelle Terrisse. Inoltre L’infedele sarà in costante aggiornamento con il TgLa7, sugli ultimi sviluppi delle consultazioni per formare il nuovo governo.

La collaborazione con La Scala di Milano – Questa sera ci sarà Sandro Laffranchini, primo violoncello della Scala di Milano, accompagnato al pianoforte dal maestro Michele Valenti. I due eseguiranno il tango Graciela y Buenos Aires di Josè Bragato; estratti dalla Sonata per violoncello solo di George Ligeti e un Capriccio da Une Larme di Gioacchino Rossini.

G. T.